Home » Salute Corpo Umano » Sudore » Sudore Acido Eccessivo Ascellare , Cause e Rimedi
Sudore

Sudore Acido Eccessivo Ascellare , Cause e Rimedi

Rimedi-naturali-contro-il-sudore-acido
Sudore Acido Eccessivo Ascellare , Cause e Rimedi
4 (80%) 6 votes

Sudore Acido Eccessivo Ascellare , Cause e Rimedi

Ogni giorno, l’organismo attua un processo di termoregolazione, per far si che la temperatura interna al corpo rimanga costante.

Fondamentale, in questo processo, è il ruolo svolto dalla sudorazione, attraverso la quale vengono eliminate anche le tossine presenti nell’organismo.

Normalmente si produce 0,5l di sudore al giorno, in assenza di attività fisica o di temperature elevate, casi in cui la quantità di sudore prodotta può arrivare a raggiungere i 2l, ma quando, anche in assenza delle condizioni sopra citate, la sudorazione si verifica essere eccessiva, si è in presenza di un’alterazione della normale funzione delle ghiandole sudoripare, chiamata iperidrosi.

Questa alterazione può essere frutto di diversi fattori e coinvolgere diversi tipi di ghiandole, in particolar modo, se colpisce le ghiandole apocrine, il sudore che verrà prodotto sarà di tipo acido, con il tipico odore pungente e quindi sgradevole.

Il sudore acido riguarda principalmente la zona delle ascelle.Il soggetto affetto da una sudorazione acida può finire con il trovarsi a disagio in pubblico e far trovare a disagio chi è con lui, per questo è importante capire le cause del sudore acido e cercare di selezionare i giusti rimedi alla sudorazione acida, naturali e non, per ridurre o eliminare la patologia.

L’iperidrosi può essere distinta in iperidrosi primaria e iperidrosi secondaria. La prima è frutto di cause fisiologiche, mentre la seconda si presenta in concomitanza con altre patologie come l’obesità, l’ipoglicemia, ipertiroidismo o anche nel periodo della menopausa.

L’iperidrosi primaria è presente se si manifestano segni di sudorazione eccessiva da più di sei mesi, in particolar modo saranno colpite, se si tratta di sudore acido, le ascelle, altrimenti anche i palmi delle mani, le piante dei piedi e le zone craniofacciali.

Nella maggior parte dei casi si verifica almeno una volta a settimana, ma non durante la notte, e solitamente colpisce prima dei 25 anni di età.

Le parti affette da iperidrosi possono però anche essere altre, come la schiena, il petto e la parte retrostante delle ginocchia, e l’iperidrosi può colpire più parti contemporaneamente.

L’iperidrosi, e la sudorazione acida alle ascelle, sono quindi patologie da non sottovalutare.

Ma come riconoscere le cause della sudorazione acida nelle ascelle?

Le cause del sudore acido nelle ascelle possono essere molteplici, per questo è importante un’accurata visita, così da poter scegliere i giusti rimedi al sudore acido.
Prima di tutto bisogna però chiarire quand’è che si parla di sudorazione eccessiva con cognizione di causa.

L’iperidrosi primaria si verifica anche più volte a settimana, ma mai durante il sonno, mentre l’iperidrosi secondaria ha una frequenza strettamente collegata alla patologia scatenante.

In presenza quindi di una sudorazione eccessiva che non si rivela essere un evento una tantum, si può parlare certamente di iperidrosi.
Come è stato detto, questa patologia deriva da un’alterazione della normale attività delle ghiandole sudoripare che iniziano ad essere iperattive, e quindi a produrre sudore in eccesso, questa può quindi essere definita la causa principale della sudorazione acida.

Iperidrosi Ascellare: Cause e Rimedi Naturali

Rimedi naturali sudore acidoAltre cause dell’iperidrosi ascellare sono state rilevate da studi clinici, secondo i quali l’iperidrosi primaria sembra essere la risposta dell’organismo a stimoli che partono dal cervello e che spingono il corpo ad attivare le ghiandole sudoripare in un momento di non reale bisogno.

Questa attività scorretta del sistema nervoso autonomo fa si che la produzione di sudore divenga eccessiva, finendo con l’influenzare negativamente la vita sociale di chi la sperimenta.

Ulteriori studi scientifici affermano che l’iperidrosi ascellare possa avere natura genetica, infatti sono maggiormente colpiti quei soggetti che presentano in famiglia altri casi di iperidrosi primaria.

Queste non sono ovviamente le uniche spiegazioni offerte per rispondere alla curiosità sulle origini della patologia.
Infatti ci sono molti fattori che possono influenzare la produzione eccessiva di sudore, e come molti sono i fattori, molti sono anche i rimedi all’iperidrosi ascellare.

Si possono quindi elencare una serie di cause secondarie di iperidrosi, come la gravidanza, la menopausa, periodi della vita femminile in cui il sistema ormonale ed il metabolismo subiscono variazioni non indifferenti.

Inoltre anche l’abuso di alcol, e situazioni di stress e ansia, possono influire su questa patologia, per non citare poi situazioni cliniche più gravi come il diabete, malattie cardiache, obesità, ipertiroidismo, ed il morbo di Parkinson. In fine, anche l’assunzione di determinati farmaci, come l’ossicodone, o alcuni antipsicotici, possono portare all’iperidrosi.

In tutti i casi di iperidrosi secondaria, e quindi scatenata da patologie e non da situazioni fisiologiche come potrebbe essere la gravidanza, si consiglia di consultare il proprio medico al fine di avere una diagnosi accurata e mirata alla risoluzione o al trattamento del problema.

Data la vastità delle cause scatenanti si possono avere diversi gradi di iperidrosi, risulta quindi evidente che non sempre potranno essere efficaci i rimedi naturali contro l’iperidrosi ascellare.

Sudorazione ascellare eccessiva rimedi naturali

Anche se in alcuni casi di sudorazione ascellare eccessiva, lavarsi in maniera frequente o cambiare indumenti più volte al giorno, non si rivela essere utile, al fine di cercare una soluzione al problema, ci sono comunque alcuni rimedi naturali alla sudorazione eccessiva delle ascelle che possono donare sollievo a chi ne soffre.

Quindi, in caso di sudorazione eccessiva cosa fare?

Dopo aver definito le cause della propria sudorazione ascellare eccessiva, che possono essere di origine genetica, o derivante da situazioni di stress e ansia, legate al proprio stile di vita, si può ragionare sui rimedi alla sudorazione eccessiva.

Alcuni rimedi naturali alla sudorazione ascellare eccessiva consistono in piccoli accorgimenti, nella vita di tutti i giorni, che potrebbero rivelarsi fondamentali nel trattamento della patologia.

Riservarsi Alcuni Minuti di Relax

relaxAd esempio, riservarsi alcuni minuti di relax, così da avere il tempo di programmare la propria giornata, e affrontarla senza l’ansia di chi pensa di non farcela ad arrivare fino a sera, o acquisendo abitudini più salutari, in maniera graduale ridurre il consumo di alcool a favore di quello di frutta e verdura, e più importante di tutti, cercare di ritrovare la sicurezza in sé stessi, in modo tale da non sentirsi a disagio in mezzo agli altri, e non dover affrontare ogni situazione con ansia e sotto stress, rappresentano buoni rimedi contro il sudore eccessivo delle ascelle.

Oltre questi piccoli accorgimenti sono presenti anche altre numerosi misure a scopo precauzionale che permettono di trattare l’iperidrosi, in particolar modo quando la sudorazione alle ascelle diventa maleodorante.

Prodotti Specifici Farmaceutici

Questi rimedi consentono di trattare la sudorazione eccessiva sotto le ascelle in maniera naturale ed economica, ma con risultati sicuramente meno soddisfacenti, rispetto a quelli che si potrebbero ottenere con prodotti specifici farmaceutici.

Sono rimedi alla sudorazione ascellare non in grado di trattare il problema allo stesso modo di un prodotto farmaceutico, ma sicuramente aiutano nella convivenza con la patologia.

Corretto Tipo di Abbigliamento

Il primo passo da fare sarebbe scegliere il corretto tipo di abbigliamento, preferendo tessuti traspiranti ed in materiali naturali, come il cotone e il lino, evitando quindi i tessuti sintetici che favoriscono la sudorazione puzzolente nelle ascelle.

Da preferire poi abiti di colore molto chiaro o molto scuro, così nascondere le macchie derivanti dalla sudorazione forte delle ascelle, evitando il disagio in pubblico di chi è affetto da questa patologia.

Curare l’alimentazione

alimentazioneInoltre anche l’alimentazione, rientrando tra le cause di sudorazione alle ascelle di cattivo odore, andrebbe curata.

La sudorazione eccessiva e di cattivo odore nelle ascelle è infatti favorita da alcune sostanze, come l’acido garlico, riscontrabile in aglio e cipolla.

Sembra quindi scontato che uno dei rimedi alla sudorazione eccessiva maleodorante è evitare quella tipologia di alimenti, oltre a ridurre il consumo di cibi speziati e alcol, favorendo invece l’assunzione di frutta e verdura, indispensabili per il corretto apporto di vitamine e sali minerali, sostanze che attraverso il sudore vengono espulse facilmente dall’organismo attraverso la sudorazione anche ascellare.

Integratori di Magnesio

Nei casi più gravi è consigliata anche l’assunzione di integratori di magnesio e potassio ma anche il cloro, per evitare che attraverso l’iperidrosi vengano a crearsi carenze.

Per trattare situazioni di stress e ansia, e quindi ridurre in maniera indiretta la produzione di sudore, agendo su una delle cause della sudorazione eccessiva delle ascelle, utili sono gli oli essenziali, da applicare localmente.

Altri rimedi sono sicuramente la pratica di attività fisica moderata, tra cui lo yoga, in grado di rilassare il corpo e la mente.
Anche l’assunzione di molta acqua favorisce la corretta termoregolazione corporea, semplificando quindi il processo di regolazione della temperatura e influenzano positivamente la sudorazione.

Oltre queste accortezze da tenere in considerazione, e che vanno ad agire principalmente sulle cause della sudorazione ascellare, ci sono anche altri rimedi naturali che invece curano principalmente il sintomo.

Tea Tree Oil

Fanno parte di questa categoria di rimedi naturali il tea tree oil, la salvia, il bicarbonato e persino l’aceto.

Il tea tree oil, applicato sulla parte colpita da iperidrosi, come le ascelle, migliora l’odore del sudore e consente di combattere la formazione di batteri e funghi sulla pelle.

Un altro rimedio naturale è sicuramente la salvia, in grado di ridurre sia la sudorazione che la carica batterica che si forma come conseguenza. La salvia si utilizza infusa, attraverso l’applicazione topica.
Anche il bicarbonato di sodio, unito a del succo di limone, è utile per contrastare il sudore e donare un profumo piacevole.

Ultimo rimedio è l’aceto, anch’esso da applicare sulla zona e lasciar agire, dopo qualche minuto l’odore di aceto non si sentirà più, al suo posto rimarrà soltanto una sensazione di freschezza.

Da ricordare in fine che l’utilizzo di un sapone antisettico, in grado di rimuovere batteri e funghi, principali responsabili del cattivo odore, è sempre un primo passo verso un trattamento efficace e soddisfacente.

Puzza Acelle e Cattivi Odori sgradevoli, Cause e Rimedi

puzza ascelleAnche se ci sono numerosi rimedi naturali alla puzza di sudore, i più efficaci sono sicuramente i prodotti farmaceutici presenti sul mercato, che agiscono sul sistema nervoso, stimolando in maniera corretta le ghiandole sudoripare, riducendo così il sudore, una delle cause principali di puzza alle ascelle.
Per ovviare alla puzza alle ascelle, sarebbe infatti impensabile poter impedire il sudore che, come detto, rappresenta un processo importantissimo per l’organismo, indispensabile per mantenere la giusta temperatura corporea.
Uno dei rimedi alla puzza delle ascelle è quindi agire sulla quantità di sudore prodotta dal corpo, e questo è possibile attraverso l’utilizzo dei giusti prodotti, consigliati dal proprio medico dopo un’accurata analisi.

I prodotti farmaceutici per il trattamento della patologia sono numerosi e differiscono per prezzo, effetti collaterali, efficacia e durata degli effetti, ma tutti formulati con l’obiettivo di ridurre la sudorazione e di conseguenza la puzza di ascelle.

Deodorante per cattivo odore ascellare e sudore acido

deodoranteTra i rimedi specifici per il cattivo odore ascellare si passa dal comune deodorante per ascelle che puzzano, che si utilizza per applicazione topica, ad iniezioni di Tossina Botulinica tipo A.

L’anti-traspirante, anche detto comunemente deodorante, è il primo approccio consigliato dai dermatologi per il trattamento dell’iperidrosi.
I deodoranti sono infatti economici ed efficaci fin da subito, e grazie alla presenza di sali di alluminio permettono di ridurre la sudorazione abbondante, in particolar modo quella ascellare.
Trattandosi quindi di un prodotto principalmente cosmetico, il deodorante per ascelle puzzolenti, risulta essere una soluzione non invasiva.
Ma come agisce il deodorante per iperidrosi ascellare?

I Sali di alluminio contenuti nel deodorante per sudorazione eccessiva, come l’Alluminio Cloroidrato (ACH) O l’Alluminio Cloride (AC), sono sostanze attive in grado di agire sulle ghiandole sudoripare, sia quelle eccrine che apocrine (queste ultimi le principali responsabili del sudore acido).

I Sali di alluminio assumono la funzione di tappo delle ghiandole, andando a chiudere il dotto della ghiandola sudoripara, riducendo in questo modo la quantità di sudore prodotto.

Questa chiusura causata dai sali di alluminio risulta essere del tutto innocua, ma permette di ridurre sia l’iperidrosi che l’odore del sudore, rendendo adatto il deodorante anche per il sudore acido.

In commercio sono disponibili vari tipi di deodorante e marche di diverso genere. Inoltre il deodorante per il cattivo odore ascellare è disponibile in diversi formati, per soddisfare tutte le esigenze, da quelli in spray a quelli roll-ons, da quelli della durata di 48h fino a quelli che durano 72h.

L’effetto di tappo, dato dal deodorante per ascelle che puzzano, non viene eliminato con una doccia, permette così di evitare l’applicazione ogni giorno. Ne sono sufficienti piccole quantità per fare la differenza in una patologia come l’iperidrosi.

Anche la formulazione del deodorante per sudore acido è importante, andrebbero infatti evitati i deodoranti troppo profumati, o contenenti alcool, preferendo invece quelli dalle profumazioni delicate.

Come non sudare sotto le ascelle !

Come non sudare sotto le ascelleAvendo già detto che il processo di sudorazione è essenziale per il benessere dell’organismo è possibile capire come evitare di sudare sotto le ascelle sia un obiettivo impensabile.

Nonostante questo però, grazie a trattamenti prescritti dal proprio medico, si può capire come ridurre il sudore e come eliminare il cattivo odore dalle ascelle.
Uno dei metodi più innovativi ed efficaci per evitare ascelle che puzzano e combattere l’iperidrosi è sicuramente rappresentato dalle iniezioni di Botulinica Tipo A.

Queste iniezioni rappresentano però un intervento invasivo e costoso per evitare la puzza delle ascelle e mostrare come sudare meno sotto le ascelle.

Comunemente conosciuta con il nome Botox, questa sostanza neurotossica, attraverso iniezioni locali, permette di bloccare la sudorazione ascellare eccessiva. Infatti essa agisce tramite l’inibizione dei nervi, che così non sono in grado di mandare alle ghiandole sudoripare gli stimoli necessari affinché queste producano sudore, dimostrando come si fa a non sudare sotto le ascelle.

Anche lo ionoforesi, come le iniezioni di Botulinica Tipo A, agisce sull’iperidrosi e le ascelle che puzzano, in maniera più invasiva e deve essere necessariamente eseguito sotto supervisione medica.
Questo metodo, chiamato anche trattamento elettrico, permette l’introduzione di ioni nella pelle, tramite una scarica di corrente elettrica.
Questa elettricità permette il bloccaggio temporaneo delle ghiandole sudoripare, che sono così incapaci di produrre sudore, rispondendo alla domanda come combattere il sudore.
Suddetto tipo di trattamento è indicato principalmente per zone come mani e piedi.

In fine ci sono farmaci appositi, contenenti sostante anticolinergiche, che vanno a bloccare le attività dei neurotrasmettitori, impedendo così la stimolazione delle ghiandole sudoripare. Questa tipologia di trattamento però ha effetti collaterali non irrilevanti ed è consigliata principalmente per il trattamento dell’iperidrosi secondaria.

Capire come diminuire la sudorazione comporta quindi anche capire l’importanza di questo processo, che può essere si inibito, ma non in maniera permanente e non in tutte le parti del corpo.

Soffrire di iperidrosi e sudore acido è sicuramente difficile, dovendo convivere con il disagio di passare del tempo in pubblico, ma proprio per questo è importante capire dove agire e come agire, così da raggiungere il proprio obiettivo, un corpo in salute nel quale trovarsi a proprio agio.

Fare questo affidandosi a dei semplici rimedi casalinghi è sì possibile, ma solo per i casi meno gravi, nelle situazioni in cui la patologia diventa difficile da gestire, rivolgersi ad un medico ed affidarsi a cure specifiche diventa l’unica strada sicura da seguire.