Home » Salute Corpo Umano » Sudore » Iperdrosi e Sudorazione Ascellare: Rimedi contro Ascella Puzza !
Sudore

Iperdrosi e Sudorazione Ascellare: Rimedi contro Ascella Puzza !

Rimedi Sudorazione Eccessiva Sotto le Ascelle
Iperdrosi e Sudorazione Ascellare: Rimedi contro Ascella Puzza !
5 (100%) 1 vote

Rimedi Sudorazione Eccessiva Sotto le Ascelle , Puzza e Iperidrosi Ascellare

1. Iperidrosi e bromidrosi ascellare: quali sono le cause possibili?

L’odore ascellare, al pari di quello di inguine e piedi, è incluso nel novero di quegli odori naturali e fisiologici che il nostro corpo emette costantemente.

Ciononostante, tali emanazioni possono divenire marcate a tal punto da trasformarsi in una fastidiosa puzza.

Il cattivo odore, caratteristico del sudore ascellare, deriva da un’accentuata degradazione del secreto apocrino, la quale viene innescata dalla flora batterica presente sugli strati cutanei superficiali.

In particolare, una sudorazione ascellare dall’odore acre è imputabile all’esalazione di sostanze quali acidi grassi a corta catena (soprattutto butirrico e caprilico), mercaptani, ammine ed ammoniaca.

A causare una sudorazione ascellare eccessiva (in questo caso si parla di iperidrosi) e fetida (bromidrosi) sono diversi fattori.

In primo luogo, stress e situazioni di tensione possono indurre le ghiandole sudoripare e apocrine a generare maggiori quantitativi di secreto apocrino e di sudore.

Rilevante è, inoltre, il ruolo delle variazioni ormonali: in una fase come quella della pubertà, per esempio, il sudore ascellare risulta oltremodo maleodorante. Anche alcune patologie quali obesità, ipoglicemia, ipertiroidismo, infezioni croniche e depressione possono essere responsabili dell’iperidrosi e bromidrosi ascellare.

Queste ultime, infine, possono scaturire da una scorretta alimentazione e dall’assunzione di taluni farmaci (termogenici, colinergici o antidepressivi).

2.1 Sudorazione ascellare eccessiva e maleodorante: i rimedi per combatterla

2.1 Igiene e benessere personale

La cura dell’igiene personale rappresenta il principale rimedio per contrastare l’eccesso di sudore e il cattivo odore ascellare. Vediamo, nel dettaglio, quali sono le pratiche da osservare quotidianamente.

  • Fare una doccia ogni giorno

Per avere ascelle pulite e fresche occorre lavarsi giornalmente: la doccia deve essere considerata un vero e proprio rituale quotidiano, specie se si pratica un’attività sportiva o se si affrontano giornate lavorative intense. Dopo la doccia è buona norma asciugarsi totalmente per evitare che rimangano zone umide in grado di attirare i batteri. In caso di necessità e per ottenere migliori risultati, conviene lavare le ascelle più volte nell’arco della giornata, con acqua e un sapone antibatterico.

Eliminare Odore Di Sudore Dalle Ascelle: Deodorante Forte Sudorazione

Il cattivo odore delle ascelle, provocato dai batteri che popolano la cute, può essere

deodorante per iperidrosi ascellare

mascherato utilizzando deodoranti a lunga durata.

Se, però, il sudore ascellare è abbondante e ha un odore pungente, è opportuno ricorrere a deodoranti antitraspiranti.

Questi ultimi, infatti, hanno una formulazione a base di cloruro di alluminio, una sostanza

chimica che inibisce la sudorazione.

Gli antitraspiranti vanno applicati sulla pelle due volte al giorno (preferibilmente al mattino e alla sera), dopo la consueta detersione.

  • Prediligere abiti composti di fibre naturali

Gli indumenti in cotone, seta o lana aiutano a ridurre la sudorazione corporea in virtù della comodità e della resistenza garantite da questi materiali.

Per quanto riguarda l’attività fisica, preferibili sono i capi realizzati con tessuti traspiranti in grado di assorbire il sudore e favorirne la naturale evaporazione.

  • Cambiare e lavare spesso i propri indumenti

Il cattivo odore ascellare non può far altro che aumentare, se si indossa la stessa maglietta per più giorni consecutivi.

I vestiti, dunque, vanno lavati subito dopo averli indossati e non vanno utilizzati per più giorni di fila.

Una notevole attenzione deve essere riservata agli abiti usati durante l’allenamento: lasciarli sporchi e umidi significa incentivare la proliferazione dei batteri, ragion per cui è necessario lavarli alla fine di ciascuna sessione.

  • Usare assorbenti ascellari

    Un ottimo rimedio contro l’eccesso di sudore è costituito dagli assorbenti per ascelle: sono, questi, assorbenti veri e propri che si attaccano a maglie o camicie, direzionando la parte assorbente verso le ascelle.

Si possono acquistare in farmacia e nei supermercati.

  • Radere le ascelle

Per prevenire lo sgradevole odore ascellare, è consigliabile radere le ascelle ogni volta che se ne ha la possibilità (anche sotto la doccia).

In questo modo, i batteri vengono privati di un fertile terreno di riproduzione.

  • Sperimentare metodi di rilassamento 

Spesso non si suda per gli sforzi fisici, ma per la stanchezza mentale. Ansie, preoccupazioni e tensioni possono stimolare un’ingente produzione di sudore da parte delle ghiandole sudoripare.

Per il benessere di corpo, mente e ascelle è bene cercare di ridurre lo stress, mettendo in atto alcuni metodi di rilassamento: si può provare la pratica dello yoga o della meditazione o, più semplicemente, ci si può ritagliare un momento quotidiano di relax prima di andare a letto.

2.2 L’importanza dell’alimentazione: come non far puzzare le ascelle e combattere il sudore

come non far puzzare le ascelle e combattere il sudorePer ridurre la sudorazione in eccesso e liberarsi dal fastidioso odore ascellare, è necessario prestare attenzione anche alle proprie abitudini alimentari.

A livello generale, è raccomandabile una dieta sana ed equilibrata, ricca di vitamine e sali minerali e povera di grassi.

Diverse ricerche scientifiche, infatti, hanno dimostrato che chi è obeso (o in sovrappeso) e mangia in modo scorretto, tende a sforzare di più il corpo, a muoversi con difficoltà e a sudare maggiormente.

Con l’aumento del sudore, si moltiplicano, di conseguenza, i batteri responsabili del forte odore sotto le ascelle.

Vediamo, dunque, nello specifico, quali sono le sostanze e gli alimenti da escludere dalla propria alimentazione giornaliera, se si soffre di problemi di sudorazione.

  • Bevande contenenti caffeina, teina e teobromina: chi è affetto da iperidrosi ascellare deve assolutamente evitare l’assunzione di questo tipo di bibite, in quanto esse incrementano la produzione di sudore.
  • Peperoncini e spezie quali curry e paprika.
  • Aglio e cipolle: non causano soltanto alito cattivo, ma anche pungenti esalazioni ascellari.
  • Asparagi e pesce: anche questi cibi possono intensificare il nauseabondo odore di sudore ascellare.
  • Alimenti ad elevato contenuto di grassi e difficili da digerire: da ridurre o evitare è il consumo di alimenti quali carni rosse, fritture ed intingoli.

Qui di seguito, invece, alcuni consigli alimentari per contrastare o eliminare lo sgradevole odore di sudore ascellare:

  • scegliere alimenti che aiutano a migliorare l’odore ascellare → verdura, cereali integrali e frutta sono le scelte più indicate da questo punto di vista. Per neutralizzare un odore particolarmente acre si può assumere un integratore di erba di grano oppure si può masticare, al termine dei pasti, del prezzemolo o delle verdure a foglia;
  • assumere cibi contenenti un buon quantitativo di clorofilla → cavolo nero e spinaci sono validi alleati contro il cattivo odore sotto le ascelle;
  • aumentare l’apporto di zinco e magnesio → cioccolato fondente, arachidi e semi di zucca sono eccellenti fonti di zinco; alimenti quali lenticchie, piselli, fagioli, spinaci, frutta secca, germogli di soia, banane, datteri, avocado e fichi dispensano la giusta dose di magnesio;
  • assicurarsi un’adeguata idratazione → bere acqua in abbondanza significa favorire la naturale depurazione del corpo e il buon odore ascellare. Per una corretta idratazione è buona norma assumere circa 2 litri e mezzo di acqua al giorno.

2.3 Rimedi naturali

Rimedi naturali sudore ascellaIn caso di sudorazione ascellare abbondante e maleodorante, si può ricorrere a una serie di cure e rimedi naturali.

 

 

 

  • Bagno con succo di pomodoro

Il succo di pomodoro si dimostra particolarmente efficace contro il cattivo odore del sudore ascellare. Basta versarne una tazza in una vasca da bagno colma d’acqua e immergersi in essa per circa un quarto d’ora. Successivamente si deve risciacquare e detergere la pelle con un sapone delicato (per esempio uno al pino).

  • Impiego del perossido di idrogeno

    Si tratta di un metodo che consente di distruggere buona parte dei batteri che proliferano sotto le ascelle. Si crea una soluzione mescolando un cucchiaino di perossido di idrogeno in una tazzina d’acqua. Dopo di che, si imbeve un asciugamano di tale soluzione e lo si passa sulla zona ascellare.
  • Uso dell’aceto di vino o dell’amamelide

Il procedimento è identico a quello poc’anzi descritto. Si bagna un asciugamano con uno di questi liquidi e lo si applica sotto le ascelle. Attraverso questa operazione si va a modificare il ph della pelle in maniera tale che i batteri non possano riprodursi.

  • Spolverata di bicarbonato di sodio o di maizena

    Cospargendo sulle ascelle del bicarbonato di sodio o dell’amido di mais, si riduce l’umidità e si tengono lontani i batteri.

 

  • Utilizzo dell’allume di rocca

Dopo aver eseguito un normale lavaggio con acqua e sapone, è consigliabile sfregare lievemente le ascelle con un pezzo levigato di allume di rocca. Quest’ultimo, infatti, è un validissimo anti odore naturale.

  • Assunzione di tisane anti stress

Per sudare meno sotto le ascelle, è necessario alleviare il nervosismo, le tensioni e le ansie. Alcune tisane, come quelle a base di valeriana, biancospino e melissa, possono risultare di grande beneficio in questo senso.

Come ridurre la sudorazione ascellare: interventi medici

In situazioni normali, è possibile far fronte a problemi di sudorazione eccessiva e fetida optando per uno o per alcuni dei rimedi finora analizzati.

Tuttavia, quando vi è il sospetto che l’iperidrosi ascellare sia causata da condizioni patologiche di fondo, è necessario un consulto medico per trattare il disturbo alla radice.

Se, per esempio, l’eccesso di sudorazione ascellare è originato da ansia e depressione, la somministrazione di farmaci sedativi ed ansiolitici è in grado di favorire la regressione dell’iperidrosi.

Se, invece, quest’ultima è la conseguenza di una terapia farmacologica, si può intervenire variando la tipologia o il dosaggio del farmaco assunto.

In condizioni di considerevole severità, cioè quando l’iperidrosi ascellare diventa un problema insormontabile, si possono valutare i seguenti trattamenti medici:

  • ionoforesiionoforesi → si tratta di una tecnica la quale è in grado di bloccare temporaneamente la capacità secretiva delle ghiandole sudoripare (eccrine ed apocrine);

 

 

 

 

 

  • micro iniezioni di botulino → è, questa, una terapia ambulatoriale che consente di inibire l’attività secretiva delle ghiandole sudoripare per un lasso di tempo compreso tra i 9 e i 12 mesi;
  • rimozione chirurgica delle ghiandole sudoripare;
  • gangliectomia → mediante tale intervento, che si effettua in via laparoscopica, si interrompe chirurgicamente il nervo che trasmette l’impulso artefice di una sudorazione abbondante.