Home » Corsi Sicurezza sul Lavoro » Corso Primo Pronto Soccorso a Milano , Programma e Durata

Corso Primo Pronto Soccorso a Milano , Programma e Durata

Clicca per votare !
[Total: 0 Average: 0]

Corso di PRIMO SOCCORSO aziendale – GRUPPO A

corso primo soccorso gruppo A

Programma:Durata totale: 16 ore
  • Allertare il sistema di soccorso
  • Cause e circostanze dell’infortunio
  • Luogo dell’infortunio
  • Numero delle persone coinvolte
  • Stato egli infortunati
  • Riconoscere un’emergenza sanitaria
  • Scena dell’infortunio
  • Nozioni elementari di anatomia
  • Tecniche di autoprotezione del personale
  • Attuare gli interventi di primo soccorso
  • Sostentamento delle funzioni vitali:
  • Riconoscimento e limiti d’intervento di primo soccorso

ℹ Voglio avere informazioni sul costo e le date:


Corso di PRIMO SOCCORSO aziendale – GRUPPO B-C

Corso primo soccorso gruppo b

Programma:Durata totale: 12 ore (Gruppo B e C)
  • Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro
  • Cenni di anatomia dello scheletro
  • Lussazioni, fratture e complicanze
  • Traumi e lesioni cranio-encefalici e della colonna vertebrale
  • Traumi e lesioni toracico, addominali
  • Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro
  • Lesioni da freddo e da calore
  • Lesioni da corrente elettrica
  • Lesioni da agenti chimici
  • Intossicazioni
  • Acquisire capacità di intervento pratico
  • Principali tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del S.S.N.
  • Principali tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute
  • Principali tecniche di primo soccorso nella sindrome respiratoria acuta ecc..

ℹ Voglio avere informazioni sul costo e le date:


Informazioni Aggiuntive

Corso di Primo Soccorso Aziendale

Il corso di primo soccorso aziendale è un’esigenza fondamentale in qualsiasi contesto lavorativo intenzionato a essere in regola con le norme vigenti e a garantire la sicurezza del personale.
Prima di approfondire l’aspetto legislativo, possiamo soffermarci sulla differenza tra pronto soccorso e primo soccorso, essenziale per capire meglio la natura dei compiti che spettano in caso di criticità sul luogo di lavoro.

Se nel caso del pronto soccorso si ha un intervento praticato da personale più o meno specializzato in funzione dell’emergenza comunicata, quando si parla di p.s l’aiuto al soggetto infortunato viene dato da persone probabilmente meno qualificate – p.e. i colleghi con cui si condividono le giornate lavorative.

I componenti della squadra di P.S non possono quindi sostituire il personale medico addestrato e qualificato ma risultano indispensabili per gestire i primi minuti dell’emergenza sanitaria, ovvero l’intervallo di tempo che intercorre tra la chiamata ai soccorsi, effettuata immediatamente dopo l’accertamento dell’emergenza, e l’arrivo dei soccorritori.

Corso primo soccorso Milano

Allertare in modo corretto i soccorsi esterni per ricevere il personale ed i mezzi più idonei al tipo di emergenza riscontrata, conoscere quali comportamenti adottare e cosa occorre e cosa non occorre fare nell’attesa dei soccorsi, rappresenta il PRIMO degli anelli di quella che viene definita la catena della sopravvivenza, ovvero la progressiva attivazione di personale, strutture e mezzi specializzati per il soccorso della vita umana.

Le azioni e le iniziative prese nei primi minuti dell’emergenza possono avere ripercussioni dirette, nel bene o nel male, sulla gravità dei danni subiti e sulle possibilità di recupero della persona colpita. Risulta pertanto fondamentale la presenza nei luoghi di lavoro di personale capace di garantire fin da subito una corretta assistenza.

La sensibilità  in contesti aziendali ha iniziato a prendere piede più di dieci anni fa, per la precisione nel 1994 in seguito all’approvazione del D.Lgs. 626. La normativa che regolamenta i corsi di primo soccorso aziendale non riguarda solo la formazione del personale, ma chiama in causa anche le caratteristiche minime che deve avere la cassetta p.s, obbligatoria in tutti i luoghi di lavoro, il cui contenuto deve corrispondere a quanto riportato nel DM 388/03.

Il DM 388 del 2003 oltre a stabilire il contenuto minimo della cassetta di p.s disciplina anche la formazione dei componenti della squadra di p.s. Prima di considerare tali obblighi è indispensabile individuare la corrispondenza della propria azienda con uno dei 3 gruppi individuati dal decreto: corso primo soccorso

Formazione base degli addetti

La durata del corso di formazione per i componenti della squadra di p.s è differente in funzione del gruppo di appartenenza:

Programma Primo Soccorso Gruppo A
Leggi PDF – Clicca Qui

Gruppo A:

  • aziende o unità produttive con attività industriali soggette all’obbligo di dichiarazione o notifica, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, aziende estrattive ed altre attività minerarie, lavori in sotterraneo, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;
  • aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, (desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno).
Programma Primo soccorso gruppo b-c
Leggi PDF – Clicca Qui

Gruppo B: 

  • aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Gruppo C: 

  • aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Aggiornamento degli addetti al p.s

Come per la formazione di base, anche il corso di aggiornamento risulta di durata differente in funzione dell’appartenenza al gruppo:

  • Aggiornamento gruppo A: 6 ore di pratica ogni 3 anni
  • Aggiornamento gruppo B – C: 4 ore di pratica ogni 3 anni

 

La formazione dei lavoratori designati deve essere svolta da personale medico. Nello svolgimento della parte pratica della formazione il medico può avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato.

Modalità online del corso di primo soccorso

La modalità online è riconosciuta valida solo per la parte teorica del corso base, della durata di 8 o 10 ore a seconda del gruppo di appartenenza. Il corso svolto online non è tuttavia sufficiente per il riconoscimento delle competenze: per completare la formazione è necessario svolgere anche il rispettivo modulo dedicato alla parte pratica accessibile superando il test di verifica atto a constatare il possesso dei fondamenti teorici.

Per i corsi di aggiornamento è esclusa la possibilità della fruizione online/e-learning.

La cassetta e cosa c’è dentro.

Oltre a garantire un mezzo di comunicazione per allertare i soccorsi esterni, il Datore di lavoro dell’attività è tenuto a predisporre nei luoghi di lavoro una cassetta di p.s o un pacchetto di medicazione. Questa deve essere posizionata in un luogo visibile, facilmente accessibile e il suo contenuto dovrà corrispondere a uno dei due elenchi forniti, in funzione del gruppo di appartenenza dell’azienda.

  • Gruppo A e B: – Cassetta di P.S (Allegato 1 del DM 388/03)
  • Gruppo C: – Pacchetto di Medicazione (Allegato 2 del DM 388/03)

Durante i corsi di p.s i lavoratori, designati dal datore di lavoro, son guidati nell’apprendimento e alla messa in pratica di alcuni comportamenti essenziali per la sicurezza in azienda. Ecco i più importanti:

  • Posizionamento vicino al telefono principale di ciascun reparto della lista dei numeri telefonici più importanti, che deve comprendere anche i contatti per il pronto soccorso.
  • Necessità, in caso d’incidente, di chiamare tempestivamente l’addetto al P.S e il responsabile del servizio di sicurezza.

Una volta giunto sul luogo dell’evento avverso, l’addetto al p.s valuta se è il caso di procedere o meno con il contatto con gli addetti al pronto soccorso. In caso di chiamata è tenuto a comunicare ai colleghi che effettuano la telefonata tutte le informazioni relative alla situazione sanitaria dell’infortunato.

Come già ricordato, il corso aziendale per tutti i gruppi prevede delle specifiche istruzioni per imparare a gestire a livello pratico le emergenze come un infarto e le urgenze in azienda. Ogni situazione ha peculiarità precise, ma esistono alcune indicazioni generali da seguire per gestire il contesto in maniera efficace:

  • Mantenere la calma: davanti a una situazione di emergenza o urgenza è fondamentale. L’addetto al P.S è tenuto a fare di tutto per capire la natura della situazione e i pericoli che sussistono non solo per l’infortunato, ma anche per gli altri lavoratori.
  • Proteggersi dai rischi: prima di intervenire occorre sincerarsi delle condizioni di sicurezza del soccorritore, del luogo di intervento e della vittima. E’ bene quindi prendere le dovute attenzioni affinché lo stesso soccorritore non si trovi nelle condizioni di necessitare a sua volta di soccorso.
  • Altre specifiche attenzioni prescindono invece dalla particolarità dell’emergenza sanitaria riscontrata; i componenti della squadra di P.S sono infatti tenuti ad approfondire, anche in occasione dei corsi di formazione ed aggiornamento, le tecniche ed i comportamenti più idonei per il riconoscimento e la gestione di emergenze sanitarie statisticamente riconosciute per la tipologia dell’attività svolta o comunque ipotizzabili all’interno dell’ambiente lavorativo ove ricoprono il ruolo di addetti al p.s.

Per sapere il costo del corso che si tiene a milano andare su contatti oppure chiamare il numero e chiedere un preventivo! Alla fine del corso ci sara un quiz/questionario dove potrete vedere se avete capito bene il corso ?