Home » Salute Corpo Umano » Temperatura del Corpo » Come curare l’eritema solare con prurito ? Rimedi contro.
Temperatura del Corpo

Come curare l’eritema solare con prurito ? Rimedi contro.

eritema solare
Clicca per votare !
[Total: 0 Average: 0]

Cause eritema solare con prurito, come curare?

L’eritema solare compare a seguito di una prolungata esposizione al sole. Si tratta di un’ustione vera e propria che da una sensazione di prurito e bruciore e nei casi più gravi anche febbre. In questo articolo troverete molti consigli su come curarlo e prevenirlo.

Ecco un prodotto per guarire in fretta da scottature ed eritemi ISTANTANEMAENTE o quasi:

2 – Calendula – Più concentrata

1 – Crema Preps – Miglior Prodotto !

 

Prevenzione Eritema Solare:

L’eritema solare è a tutti gli effetti una scottatura, la pelle si infiamma per l’esposizione prolungata al sole senza una protezione adeguata. Di solito succede alle prime esposizioni perché la pelle è ancora molto povera di melanina.

Ecco un ottimo stimolatore di melanina acquistabile su amazon:

Naturalmente conta molto anche il fototipo a cui si appartiene, un fototipo chiaro ha più possibilità di procurarsi un eritema solare rispetto a chi appartiene al fototipo scuro, ma la pelle va sempre protetta in modo adeguato, soprattutto quella delicata dei bambini.

I sintomi dell’eritema solare possono essere più o meno gravi in base alla durata dell’esposizione al sole e comparire anche dopo 12 ore.

Dato che si tratta di una scottatura vera e propria, la pelle appare arrossata e che brucia, possono inoltre comparire:

  • prurito
  • bolle
  • dolore al tatto
  • estrema secchezza della cute.

Nei casi più gravi può comparire febbre associata a nausea e vomito.

La prima cosa da fare in questi casi è evitare l’esposizione al sole per alcuni giorni e applicare subito dei rimedi anche naturali per alleviare i sintomi. Non dimentichiamo che l’esposizione al sole soprattutto senza i dovuti accorgimenti oltre che l’eritema solare può causare l’invecchiamento della pelle, i melanomi e le antiestetiche macchie.

Sintomi e rimedi per eritema solareLe cause dell’eritema solare sono varie e non sempre si individuano facilmente. Tra le più comuni ci sono: infezioni cutanee tipo l’erpes, ipersensibilità verso alcune tipologie di farmaci o elementi ambientali; i raggi UVA e UVB modificano il DNA delle cellule e allertano il sistema immunitario che cerca di correggerle. Da questo deriva il classico arrossamento, il sistema immunitario si difende producendo istamina che innesta una reazione allergica. All’arrossamento spesso si associa il prurito come per l’orticaria. In una settimana l’eritema solare passa, ma la cute rimane ancora molto sensibile per qualche giorno.

Come distinguere l’eritema da una dermatite solare o un’ orticaria? La dermatite solare è provocata da sostanze fotosensibilizzanti che si possono trovare nelle medicine o nei prodotti di cosmesi che reagiscono ai raggi solari.

Si presenta con rossore, bruciore, prurito e leggere lesioni della cute. Basta eliminare la sostanza colpevole per risolvere il problema. Lìorticaria solare è un’allergia al sole che provoca chiazze pruriginose e che migliora se non ci si espone al sole, in questo caso servono degli antistaminici.

Sintomi e rimedi per eritema solare

L’eritema solare si manifesta con delle vesciche che portano bruciore, prurito e febbre. Vediamo i principali sintomi.

Eritema; consiste nell’arrossamento della cute che viene causato dall’aumento di afflusso del sangue, la pelle appare di colore rosso o viola che dipende dalla durata dell’esposizione. La cute si presenta gonfia e calda al tatto.

  • Bruciore e prurito; sono i classici sintomi di un eritema solare e sono causati dall’irritazione della cute e spesso sono abbastanza fastidiosi e insistenti.
  • Bolle e macchie; é possibile che si formino delle macchie in rilievo principalmente nella zona del petto, sul viso e sulle braccia. Possono presentarsi anche delle vesciche con del liquido all’interno che non vanno assolutamente bucate per non incorrere in pericolose infezioni.
  • Febbre e svenimento; l’eritema solare nei casi più gravi può portare febbre, nausea, vomito, perdita di idratazione, debolezza e pressione bassa che può portare anche a degli svenimenti.

Esistono molti rimedi naturali per cercare di diminuire i sintomi dell’eritema solare e favorirne la guarigione. Nei casi più gravi e nel caso i rimedi adottati non abbiano effetti sarà necessario rivolgersi a un medico che deciderà se intervenire con dei medicinali.

  • Bagno freddo; per alleviare i sintomi dell’eritema solare potrebbe essere utile un bagno con acqua fresca e bicarbonato o farina di avena. Non sciacquarsi e non usare l’asciugamani.

Si possono usare anche oli essenziali:

 

  • di camomilla
  • lavanda
  • eucalipto.
  • Aloe

Bolle da eritema solare

Bolle da eritema solare

L’eccessiva esposizione al sole può dare conseguenze anche gravi molto simili alle scottature da fuoco. Dopo essere stati sotto il sole per molto temo, soprattutto in estate e nelle ore centrali della giornata, quando il sole è più forte, la pelle può reagire con un forte eritema.

Tale reazione può presentare anche bolle solari, piaghe, vesciche o papule cutanee può capitare che il viso si gonfi e compaia la febbre.

È necessario comprendere che l’eritema da scottatura solare equivale ad una vera e propria ustione che può essere di primo o secondo grado secondo la gravità. I sintomi si presentano generalmente dopo diverse ore dall’esposizione, di solito variano tra le 7/12 ore.

Le bolle dopo il sole danno molto prurito ma deve essere impedito al soggetto di grattarle per non aggravare la situazione. Inoltre la pelle diventa estremamente sensibile al tatto e si presenta secca con conseguente esfoliazione della parte superficiale.

Il danno provocato dall’eritema solare aumenta in caso la persona abbia la pelle molto chiare e poco resistente ai raggi UV. Tale effetto guarisce da solo con il passare dei giorni e con l’applicazione di creme lenitive ed idratanti nei casi più lievi.

In caso di presenza di bolle da eritema solare la situazione è evidentemente più grave e perciò si rende necessario l’intervento medico. Facilmente verranno prescritti antistaminici e cortisonici per calmare l’infiammazione nel più breve tempo possibile evitando febbre alta e tremori.

Gli eritemi solari hanno anche conseguenze a lungo termine come l’insorgere di macchie della pelle che possono restare tali o trasformarsi in tumori cutanei. Inoltre si verifica un precoce invecchiamento della pelle e la comparsa di rughe ed una pelle atonica priva di elasticità.

Tra i rimedi naturali troviamo l’olio di iperico in cui sono contenuti betacarotene, flavonoidi ed ha un alto potere emoliente e lenitivo che calmano il bruciore in breve tempo.
L’olio di calendula noto antiinfiammatorio e cicatrizzante aiuta la guarigione delle bolle e delle piaghe.

Dermatite da sole

La dermatite solare si presenta dopo una prolungata e continua esposizione al sole e si presenta con puntini o macchie rosse diffuse sulla parte del corpo che è stata più esposta ai raggi UV. Una vera e propria allergia al sole definita anche fotodermatosi.
L’infiammazione della pelle è causata dalle reazioni eccessive del sistema immunitario. Tale allergia può essere congenita oppure causata da fattori esterni come alcuni elementi chimici presenti nei profumi o altri prodotti che vengono applicati sulla pelle prima di esporsi al sole. Anche la somministrazione di alcuni farmaci possono causare la dermatite solare che nei casi più gravi possono presentare anche vescichette oltre al rossore e alle macchie.
La cura solitamente dipende dalla causa, il medico stabilirà quindi se si tratta di familiarità o il semplice utilizzo dei prodotti sbagliati. La cura si basa solitamente con un’adeguata cura farmacologica in caso si tratti realmente di allergia.
Diversamente sarà sufficiente sospendere l’utilizzo di qualsiasi prodotto che potrebbe provocare la dermatite solare.

Pomata di Arnica

Tra i rimedi naturali troviamo la pomata di arnica, antiinfiammatorio naturale che deve essere applicato sulla zona colpita massaggiando leggermente e lasciandone un buono strato in superficie che si assorbirà lentamente rinfrescando la pelle.


Burro di Karitè

In alternativa si può utilizzare il Burro di Karitè soprattutto per le dermatiti che si presentano sul viso. Il prodotto vegetale ha la capacità di ammorbidire la pelle e idratarla restituendogli elasticità e morbidezza, evitando ulteriori danni alla cute già sofferente.
La cura per eccellenza è bere molta acqua per idratare le cellule cutanee dall’interno liberandole dalle eventuali tossine che ne impediscono la naturale rigenerazione.