Home » Salute Corpo Umano » Sudore » Sudare di notte e svegliarsi sudati , perchè si suda tanto ?
Sudore

Sudare di notte e svegliarsi sudati , perchè si suda tanto ?

sudorazione
Clicca per votare !
[Total: 0 Average: 0]

Cause Sudorazione Eccessiva Notturna (iperidrosi notturna)

Il sudore è un liquido secreto dalle ghiandole sudoripare della pelle ed è composto da acqua, ioni, urea, immunoglobuline, colesterolo e, durante gli sforzi fisici eccessive, acido lattico.

Il processo di secrezione del sudore è chiamato sudorazione.

La sudorazione, pur essendo considerata una reazione normale nei casi di elevata temperatura dell’ambiente, può essere anche indice di problematiche più specifiche del nostro corpo, può essere la spia di problemi legati alla salute oppure può essere legata ad abitudini scorrette.

In questo articolo ci occuperemo, in particolare, della iperidrosi notturna (ossia la sudorazione notturna) e delle sue principali cause.

La sudorazione notturna è un fenomeno molto frequente e diffuso in tutto il mondo, infatti capitano spesso episodi, nel corso della notte, in cui si arriva addirittura a bagnare indumenti e biancheria da letto.

È un problema molto fastidioso che colpisce un elevato numero di persone di ogni sesso ed età.
Il sudore avviene tramite un processo che avviene di norma nel momento in cui il nostro corpo produce sudore per raffreddarsi quando la sua temperatura aumenta eccessivamente.

Eccessiva sudorazione notturna: perché accade?

Vi sarete spesso chiesti come mai capita di sudare molto la notte durante il sonno e di svegliarvi improvvisamente (sudorazione improvvisa) durante la notte o alle prime ore del mattino tutti bagnati.

I motivi che portano ad un’eccessiva sudorazione durante il sonno possono essere numerosi e diversi, alcuni possono essere poco preoccupanti, altri invece potrebbero essere degli allarmi che il nostro corpo ci sta dando ai fini di sottoporci ad accertamenti medici per verificare la presenza di eventuali patologie.

Di seguito saranno citate alcune tra le cause più comuni di un’eccessiva sudorazione notturna.

1. Utilizzo di farmaci.

La sudorazione notturna può essere dovuta all’utilizzo di farmaci che sono solitamente usati per trattare depressione, disturbi dell’ansia, terapie ormonali e tanto altro.
Non sono però solo questi i farmaci a causare questo tipo di effetto collaterale, infatti un eccessivo di farmaci contro i dolori e le infiammazioni possono causare lo stesso problema ed è per questo motivo che è consigliabile limitare l’utilizzo di antipiretici e paracetamolo esclusivamente per le situazioni in cui è richiesto l’utilizzo.

2. Reflusso gastrico o problemi di digestione.

Mangiare eccessivamente durante la cena o mangiare cibi poco adatti ad una corretta digestione può portare ad un sovraccarico da parte dello stomaco: ciò comporta, oltre che ad una sensazione di malessere generale, anche ad un’eccessiva sudorazione.

Chi soffre di disturbi gastrointestinali, tra cui anche il reflusso gastroesofageo, è più portato a soffrire di un elevato livello di sudorazione del corpo. Si consiglia infatti di fare molta attenzione alle tipologie di cibi che si è soliti consumare, soprattutto durante la cena.

Bisognerebbe senza alcun dubbio evitare: proteine animali, grandi quantità di carboidrati, alcol, piatti speziati o fritti, zuccheri o cibi troppo grassi, caffè e sigarette.
Bisognerebbe privilegiare: pietanze legge e ricche di verdura a volontà.

3. Ipoglicemia.

Per i soggetti che soffrono di diabete di tipo 1 l’eccessiva sudorazione è un sintomo piuttosto frequente a causa degli squilibri dei livelli di glucosio.

Il pancreas, infatti, non produce la quantità di insulina corretta e costringe il corpo a sudare per rimediare agli squilibri interni.

In questa situazione la cosa fondamentale da fare è quella di rivolgersi ad un medico specializzato in questa patologia e segnalare questa condizione, in modo che si possa agire tramite una terapia per cercare di risolvere nel modo più adeguato il problema.

4. Gravidanza.

Un’eccessiva sudorazione notturna può anche presentarsi in caso di gravidanza. La situazione in cui si suda durante la notte e ci si sveglia con la biancheria da letto bagnata può verificarsi in maniera piuttosto frequente quando una donna è incinta a causa, soprattutto, dei numerosi sbalzi ormonali che caratterizzano questo periodo della vita di una donna e portano ad una vera e propria alterazione dei meccanismi di percezione del calore all’interno del corpo.

Questo problema è però, il più delle volte, facilmente risolvibile spontaneamente nel momento in cui la donna partorisce e in cui di conseguenza la sua situazione ormonale andrà, con il tempo, a stabilizzarsi.

Come già detto in precedenza, queste sono solo alcune delle possibili cause di un’eccessiva sudorazione notturna che porta alla produzione di quantità di sudore oltre il livello di normalità, ma sono molto comuni e soprattutto non vanno in alcun modo sottovalutate.

Tra le altre cause che portano ad una sudorazione nel corso della notte, che analizzeremo nei prossimi paragrafi nel dettaglio, troviamo: tumori, mielofibrosi, leucemia, scompensi della tiroide, menopausa e cause dovute allo stress oppure all’ansia.

Linfomi non di Hodgkin e sudorazione eccessiva.

I linfomi non di Hodgkin sono un gruppo eterogeno di tumori che si verificano solitamente nella popolazione adulta e anziana e che ha spesso come sintomo un gonfiore indolore di un linfonodo superficiale del collo, ascellare o inguinale.

In base alla corrispettiva cellula sana di derivazione, i linfomi non Hodgkin vengono distinti in linfomi T (linfocito T) e linfomi B (linfocito B).

In base all’andamento clinico, invece, sono distinti in linfomi a basso grado di malignità oppure, al contrario, ad alto grado di malignità.

L’inizio può essere asintomatico o sintomatico.

– Asintomatico quando si riscontrano in maniera del tutto occasionale tumefazioni linfonodali superficiali e/o profonde.

– Sintomatico quando si presentano invece dei sintomi specifici e tra i quali possiamo trovare: sudorazione profusa soprattutto notturna, dimagrimento superiore al 10% del peso corporeo negli ultimi sei mesi e febbre superiore ai 38°C senza altre cause apparenti.

Per escludere la possibilità di tale patologie è ovviamente necessario chiedere un consulto a un professionista qualificato in ambito medico che dopo avervi sottoposto alle dovute analisi sarà in grado di stabilirne con certezza i risultati ed eventualmente di cercare di risolvere il problema tramite adeguate terapie mediche.

Sudorazione notturna e patologie tiroidee.

In alcuni casi la sudorazione notturna è legata a malattie del sistema endocrino: le patologie tiroidee, infatti, hanno tra i numerosi sintomi che possono presentare anche la possibilità di iperidrosi notturna.

Gli scompensi della tiroide sono una delle cause più comuni del sudare di notte con anche la presenza di altri sintomi quali stanchezza, notevole diminuzione di peso, fragilità dei capelli, palpitazioni, ronzii alle orecchie e problemi legati al sonno.

La tiroide può causare vari scompensi all’interno dell’organismo ed è proprio il funzionamento del nostro corpo a risentirne: per quanto riguarda i soggetti affetti da ipotiroidismo e ipertiroidismo infatti, l’iperidrosi (sudorazione eccessiva) è una delle risposte più frequenti dell’organismo nei confronti di una forte sensibilità al calore.

Una volta individuata la causa che crea scompensi della tiroide è consigliabile cominciare con una terapia. In tutti i casi di scompensi dettati dal mal funzionamento della tiroide è possibile utilizzare farmaci in grado di ridurne i sintomi, ma a seconda del tipo di scompenso si instaurerà la terapia più idonea alla risoluzione del problema specifico.

Sudorazione notturna e menopausa.

L’eccessiva sudorazione è un disturbo molto fastidioso che caratterizza un gran numero di donne durante il periodo della menopausa, un periodo biologico che si presenta solitamente fra i 45 e i 55 anni di età. La causa principale sono gli squilibri ormonali che portano le donne ad avere improvvise vampate di calore più o meno lunghe.

La menopausa è quindi un periodo della vita femminile che coincide con la fine delle mestruazioni e che porta una serie di cambiamenti all’interno del corpo di una donna. Tra i disturbi più frequenti di questo periodo ci sono senza alcun dubbio le vampate di calore che colpiscono improvvisamente e in maniera del tutto inaspettata, durante l’arco della giornata, causando non pochi disagi, ma anche nel corso della notte durante le ore di sonno.

L’origine di questa eccessiva sudorazione notturna delle donne in menopausa è dovuta al calo degli estrogeni che può causare, occasionalmente e per qualche tempo, un aumento del flusso del sangue portando ad alterazioni del sistema circolatorio che si trasformano in rossore e rialzo termico e che possono durare per qualche minuto, dando però molto fastidio.

Per far fronte a questo problema è possibile utilizzare dei piccoli accorgimenti che consentiranno di tornare a dormire con continuità e senza problemi, evitando l’interruzione del riposo durante le ore notturne.
Ecco alcuni consigli per combattere questo fastidio:

  1. Evitare alcolici, alimenti contenenti il peperoncino e la caffeina: è ormai noto che queste sostanze sono stimolanti per il nostro organismo e che favoriscono la possibilità di vampate di calore improvvise e momenti di eccessivo sudore durante la notte. È consigliabile mantenere uno stile di vita sano ed un’alimentazione adeguata con l’assunzione di una corretta quantità di acqua, in quanto l’idratazione del corpo sarà più efficace al mantenimento della temperatura corporea ed eviterà di creare scompensi al suo interno, favorendo in questo modo una diminuzione della sudorazione notturna durante la menopausa.
  2. Praticare un po’ di attività sportiva e mantenere sotto controllo il peso in quanto un suo aumento può essere determinante per gli episodi di calore notturno durante la notte.
  3. Introdurre nella dieta l’assunzione di fitoestrogeni (alimenti contenenti estrogeni vegetali) contenuti in legumi, frutta e verdura che aiutano a tenere sotto controllo e, in alcuni casi, a ridurre la presenza di sintomi tipici della menopausa.
  4. Indossare abiti adatti: leggeri, soffici e traspiranti per mantenere una costante temperatura corporea. Sono sconsigliabili tessuti sintetici e in nylon in quanto non consentono al nostro corpo una corretta respirazione della pelle e possono causare sudorazione con conseguenti vampate di calore e irritazioni.
  5.  Assumere ed utilizzare integratori naturali che consentano al processo di sudorazione di svolgersi nel modo più adeguato e in piena normalità.

Nonostante l’iperidrosi sia in grado di favorire disturbi durante il sonno durante il periodo di ciclo delle donne, c’è comunque la possibilità di migliorare questi sintomi grazie ad alcuni accorgimenti che è sempre consigliabile tenere a mente.

Sudorazione notturna e stress: come combatterla?

La sudorazione notturna potrebbe essere la causa non solo di problemi fisici, ma anche di problemi di carattere psicologico. Lo stress e l’ansia che si accumula durante la propria vita quotidiana può avere come effetto un sonno agitato e che potrebbe avere come normale conseguenza un’eccessiva sudorazione durante le ore di riposo.

I rimedi più classici e consigliabili sono tisane a base di camomilla, melissa e valeriana e la pratica di tecniche che siano in grado di favorire un corretto rilassamento come, ad esempio, lo yoga o tecniche di meditazione.

La miglior condizione mentale in grado di favorire un ottimo riposo è senza alcun dubbio la tranquillità.

La tranquillità consente di dormire serenamente, senza agitarsi durante la notte ed evitando in questo modo di svegliarsi ripetutamente a casa di disturbi del sonno.

È consigliabile, per questo motivo, rilassarsi il più possibile prima di mettersi a letto, ma anche evitare l’utilizzo di dispositivi tecnologici che, come ben si sa, non garantiscono un’adeguata qualità del sonno.

Dormire male a causa di ansia e stress e svegliarsi ripetutamente durante la notte tutti sudati non permette di riposare nel modo corretto e provoca una forte stanchezza che influirà ovviamente su tutta la vostra giornata facendovi sentire totalmente privi di forze ed energie.

Sudorazione notturna e vampate di caldo? Non solo.

La sudorazione notturna può essere anche fredda e si presenta quando si avverte sulla pelle una sensazione di freddo e umidità accompagnato anche da tremori e brividi.

Le zone più colpite sono piedi, mani e schiena e possono essere indice di numerose patologie più o meno gravi.

Davanti ad episodi di sudorazione fredda i rimedi variano in base alla condizione fisica che si prova in quel determinato momento: se si tratta di condizioni transitorie (legate magari ad ansia e stress) è sufficiente riposarsi e cercare di rilassarsi, se si tratta invece di condizioni persistenti la cosa migliore da fare è stendersi e avvertire immediatamente i soccorsi per fare tutti gli accertamenti del caso.

Sudorazione notturna non solo femminile anche maschile.

L’eccessiva sudorazione durante la notte aci, cattive abitudini alimentari e via dicendo, un altro fatto che potrebbe favorire una profusa sudorazione maschile durante le ore notturne è la cosiddetta andropausa.

L’andropausa è la menopausa maschile ed è la principale responsabile delle vampate improvvise di calore per gli uomini.

Queste vampate, così come anche nella menopausa femminile, possono provocare una sudorazioni eccessive a causa di equilibri ormonali in fase di cambiamento che saranno però, di regola, destinate a terminare una volta che l’equilibrio ormonale si sarà assestato nuovamente.

Sudorazione notturna nei bambini: cause e rimedi.

Un’eccessiva sudorazione notturna può colpire, oltre che donne e uomini durante menopausa e andropausa, anche i bambini più piccoli.

Nei più piccoli può risultare un problema piuttosto comune, ma può essere anche indice di motivi più seri causando in questo modo molta preoccupazione nelle mamme.

Nei casi più frequenti  nei bambini può essere dovuta a semplici questioni fisiologiche durante il sonno, ma può anche essere dovuta ad un’elevata temperatura nella stanza in cui il bambino dorme, o all’utilizzo di indumenti che non lasciano traspirare a sufficienza il corpo e che lo coprono in maniera inadeguata.

Oltre alle cause fisiologiche è possibile che si presenti anche nei bambini anche per cause patologiche: tra le cause più frequenti c’è sicuramente la classica influenza caratterizzata da febbre molto alta e che porta inevitabilmente ad un aumento della temperatura corporea, ma può essere dovuta anche alla presenza di virus e batteri all’interno del corpo che l’organismo cerca di espellere tramite il sudore.

In caso la sudorazione eccessiva si presenti con molta frequenza ed insistenza durante le ore di riposo del bambino è sempre si suggerisce di rivolgersi al pediatra in modo da poter verificare la presenza di patologie più gravi.

Eccessiva sudorazione notturna: quando bisogna preoccuparsi?

Arrivati alla fine di questo articolo vi starete sicuramente chiedendo se è il caso di preoccuparsi davanti ad episodi di eccessiva sudorazione durante il sonno nel corso della notte: la risposta è “ni”.

Come già ampiamente spiegato è possibile che sia dovuta a causa di fattori fisiologici e transitori destinati a passare in breve tempo e per il quale non è necessario preoccuparsi o allarmarsi.

Se gli episodi di eccessiva sudorazione di notte si presentano invece ripetutamente e con insistenza potrebbero esserci dei motivi più seri che nascondono la presenza di patologie non facilmente rilevabili da persone comuni: in questi casi è quindi sempre consigliabile rivolgersi ad un medico per fare tutte le analisi utili a stabilire l’assenza o l’eventuale presenza di patologie più gravi per cercare di intervenire e risolvere il problema nel migliore dei modi.

Non bisogna mai sottovalutare questa tipologia di problematica in quanto l’eccesso di sudore nella notte potrebbe consistere spesso e volentieri in un piccolo fastidio facilmente risolvibile, ma allo stesso tempo potrebbe nascondere anche qualcosa di più serio, che potrebbe essere fondamentale da tenere sotto controllo.

Affidarsi ad un soggetto competente in ambito medico è sempre la soluzione migliore in quanto sarà in grado di offrirvi la giusta risposta a qualsiasi dubbio e sarà allo stesso tempo fondamentale per poter giungere il prima possibile alla risoluzione del vostro (eventuale) problema.