Home » Salute Corpo Umano » Sudore » Sudorazione e iperidrosi plantare , piedi bruciati dal sudore
Sudore

Sudorazione e iperidrosi plantare , piedi bruciati dal sudore

Rimedi naturali per piedi bruciati dal sudore
Clicca per votare !
[Total: 2 Average: 3]

Sudorazione e iperidrosi plantare: di cosa si tratta e quali sono le cause

La sudorazione ha un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’omeostasi dell’organismo. Tuttavia, in alcuni soggetti, si sviluppa in forma anomala prendendo il nome di iperidrosi. Quest’ultima è una condizione per la quale la produzione di sudore è eccessiva e supera i livelli consueti.

Essa può manifestarsi ovunque nel corpo ma generalmente coinvolge i palmi delle mani e le piante dei piedi. Per questa ragione, l’iperidrosi causa inoltre problematiche a livello fisico ed emotivo.

L’iperidrosi plantare si manifesta, in sintesi, con una sudorazione eccessiva della pianta dei piedi la quale causa disagio e cattivo odore nonostante il soggetto applichi le comuni regole di igiene personale. La cute dei piedi, dunque, appare bagnata e così anche gli indumenti come i calzini e le scarpe.

piedi sudati

Le cause di questa condizione si dividono in due categorie.

Possibili Cause

La prima è definita essenziale o idiopatica e le cause sono sconosciute, la seconda è definita secondaria e le cause possono essere ricondotte a problematiche psichiche e fisiologiche quali :

  1. stress
  2. gravidanza
  3. obesità
  4. assunzione di farmaci
  5. tumore
  6. leucemia
  7. morbo di Parkinson ecc..

 

Per accertare la presenza di questa condizione, è necessario rivolgersi ad un medico che sappia formulare una diagnosi e consigliare, nel caso fosse necessario, una terapia farmacologica adeguata comprendente di intervento chirurgico in ospedali. Per saperne di più sui costi dovrete chiedere alla struttura ospedaliera.

Rimedi naturali per piedi bruciati dal sudore

iperidrosi plantareQualunque sia la natura dell’iperidrosi, essenziale o secondaria, esistono rimedi naturali in grado di limitare la sintomatologia e consentire ai soggetti affetti da questa condizione di convivere serenamente con essa.

Come accennato, infatti, l’iperidrosi plantare causa generalmente disagio sia a livello fisico che psicologico. Data l’impossibilità di agire direttamente sulle cause, che risultano nella maggior parte dei casi sconosciute, i rimedi naturali risultano essenziali per garantire ad essi una normale vita relazionale e professionale.

In primo luogo, per limitare i disagi conseguenti alla sudorazione eccessiva, è consigliabile indossare calzature traspiranti e calze in cotone o materiali organici. Questi ultimi, infatti, a differenza di quelli sintetici, permettono alla pelle di respirare e sono in grado di assorbire i liquidi.

 

I soggetti affetti da iperidrosi plantare, infatti, spesso devono convivere con un effetto collaterale di questa condizione, la pelle dei piedi risulta bruciata, proprio come quando si rimane a lungo immersi nell’acqua.

Per questa ragione, indossare indumenti realizzati in cotone può essere un valido aiuto nel contenimento del sudore.
Tra i rimedi naturali spesso consigliati in aggiunta alle eventuali terapie farmacologiche vi sono i pediluvi.

1.Rosmarino ,  Timo e Salvia.

Salviarosmarinotimo

Essi, infatti, se effettuati con acqua ed elementi antibatterici e/o anti fungini naturali come la salvia, il rosmarino o il timo possono essere un valido aiuto per eliminare il cattivo odore e asciugare la pelle danneggiata.

Sarà sufficiente immergere i piedi in acqua tiepida per circa 5 minuti aggiungendo qualche goccia di olio essenziale di timo, rosmarino o salvia. Sciacquare e asciugare accuratamente.
È altresì possibile sfruttare le proprietà antibatteriche e antisettiche della salvia creando un infuso caldo da bere con le foglie oppure freddo da utilizzare per rinfrescare di tanto in tanto le zone in cui si suda maggiormente.

Per ciò che concerne il rosmarino, è possibile anche in questo caso sfruttarne le potenti proprietà antisettiche creando un infuso al quale dovrà essere aggiunto qualche cucchiaio di aceto di mele e successivamente tamponato sulla pelle dei piedi.

2.Bicarbonato di Sodio

bicarbonato di sodio per i piedi sudati

Tra i rimedi naturali maggiormente consigliati per chi soffre di iperidrosi plantare vi è l’utilizzo del bicarbonato di sodio. Presente in ogni cucina, questo elemento può essere dissolto in acqua e utilizzato come pediluvio.

I piedi dovranno rimanere immersi nella soluzione per circa 30 minuti dopodiché dovranno essere sciacquati con acqua tiepida, asciugati accuratamente e se necessario cosparsi di borotalco.

 

 

3.Argilla Verde

argilla verdeL’operazione dovrà essere ripetuta ogni giorno.
Infine, un elemento utile per contrastare l’iperidrosi plantare e i disagi che ne conseguono è l’argilla verde. Basterà utilizzarne circa 250 grammi durante il bagno o in quantità ridotte nel pediluvio.

Categorie

  • Antincendio
  • Cervicale
  • Farmaci e Medicinali
  • Manuale di Primo Soccorso
  • Mulettista
  • Punture di Insetti
  • . Corso rspp a milano datore di lavoro: informazioni sui compiti Il D.D.L può ricoprire il ruolo di  (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione in caso di aziende con un numero di lavoratore maggiore o uguale a 20.I compiti del D.D.L che ricopre il ruolo di RSPP sono diversi e tutti incentrati al miglioramento del livello di sicurezza in azienda. In che modo? Prima di tutto attraverso la valutazione del livello di rischio dei luoghi, poi attraverso la proposta di programmi di formazione ad hoc, finalizzati a guidare i dipendenti alla scoperta delle principali modalità di tutela della propria incolumità sia in caso di urgenza o emergenza, sia in situazioni di ordinaria amministrazione ma comunque caratterizzate da un certo livello di rischio. Requisiti RSPP datore di lavoro: le specifiche tecniche Quali sono i requisiti necessari affinché un D.D.L possa svolgere il ruolo di RSPP? Ecco le regole da seguire in merito e i requisiti principali:Aziende attive nel comparto dell’aritiganato e dell’industria e con un numero di lavoratori minore o uguale a 20. Aziende attive nel comparto agricolo o zootecnico e con un numero di lavoratori minore o uguale a 30. Aziende attive nel comparto della pesca con un numero di lavoratori minore o uguale a 20. Altre aziende con un numero di lavoratori minore o uguale a 200.Per rispondere in maniera completa ai requisiti?  è necessario che il soggetto in questione svolga un corso di formazione della durata compresa tra le 16 e le 48 ore. I contenuti del corso sono definiti sulla base delle disposizioni legate alla Conferenza permanente dei rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome.Cosa prevede il programma del corso ? Un modulo dedicato all’ambito giuridico (vengono toccati temi come la regolamentazione giuridica della sicurezza dei lavoratori, i sistemi istituzionali di prevenzione e la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche e fisiche, uno incentrato sulla gestione organizzativa della sicurezza (con un accento specifico dedicato agli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi, un terzo modulo dedicato invece all’individuazione e alla valutazione dei rischi.L’ultimo modulo del corso per datore di lavoro R.S.P.P è invece dedicato alla tecniche di comunicazione con i lavoratori, il tutto con un particolare accento all’aspetto della formazione ai fini del miglioramento della conoscenza delle tecniche di sicurezza aziendale.">R.S.P.P
  • Rischi sul Lavoro
  • Salute Corpo Umano
  • Sudore
  • Temperatura del Corpo