Come spegnere un pericoloso incendio in casa e Classificazione Incendi !

Ecco alcune indicazioni su come operare quando c’è di mezzo il fuoco , puoi partecipare al nostro corso pronto soccorso che ti permetterà di apprendere TOTALMENTE le nozioni necessarie per “salvarti la vita” in caso di pericolo. Per intanto qua sotto potrete leggere una guida molto utile su come prevenire. 

Più informazioni e Preventivo gratuito

Come spegnere un incendio se prende fuoco un elettrodomestico

come spegnere un incendio

Non avere paura è la prima cosa fondamentale , avere la freddezza mentale di stare calmi e
intervenire al più presto con senso. Adesso a seguire ci saranno delle procedure da manuale per ogni tipo di incendio che permetteranno di eseguire operazioni che renderanno al sicuro voi stessi e l’ambiente circostante.

Padella che prende fuoco con olio:

  • La prima operazione è quella più banale e semplice ossia quella di spegnere il fornello di gas.
  • Cercate immediatamente un copri pentola da mettere sopra, in caso voi non l’abbiate allora munitevi di un’altra padella e poggiatela sull’altra.
  • Cosa fondamentale da tenere per ultimo è l’acqua. NON aggiungete acqua sull’olio bollente in quanto avverrebbe una reazione e i danni aumenterebbero.

Apparecchio elettrico pericolo incendio:

  • cattivo contatto del caricatoreAndare dove è situato il pannello dell’impianto elettrico della casa e spegnere l’interruttore generale che blocca l’elettricità in tutta la casa.
  • Se avete un estintore in casa è meglio ma non è un oggetto che si ha spesso quindi procedere con un secchio d’acqua. Sia chiaro che l’acqua va buttata  dove è presente fuoco , ossia anche sull’apparecchio elettrico , però è fondamentale che prima sia SPENTO l’interruttore generale
  • La stessa procedura va applicata se succede alla stufa di cherosene, ponetevi con distanza di sicurezza di 2 metri dalla stufa e gettate acqua sopra.

Divano o Poltrona si incendiano in casa:

incendio di un divanoIl fumo che si provoca bruciando un materiale cosi sintetico è soffocante ed estremamente pericoloso quindi potrete rischiare la morte in meno di 60 secondi per questo è di fondamentale subito chiudere la porta della sala se la poltrona o divano sono posizionati in questa stanza e uscire di casa chiamando ovviamente i soccorsi , in questo caso i vigli del fuoco al numero 115 che provvedono al pericoloso incendio doloso.

 

 

Vestiti di una persona

  • Non permettere alla persona infuocata di correre , il vento aumenterebbe ed alimenterebbe le fiamme.
  • Porre la persona sotto acqua gelida (funge da agente estinguente) , sotto la doccia oppure farla sdraiare per terra avvolgendola con una coperta, cappotto o qualsiasi materiale pesante. Vietato l’uso di fibre artificiali o anche chiamate chimiche , per riconoscerlo basta osservare l’etichetta che è presente sul vestito. Si usano  su camice, giacche, biancheria, cravatte, ecc.
  • Chiamare un medico o portare il paziente al pronto soccorso per curare le ustioni e verificare se sono di 1, 2 o terzo grado.

Spegnimento di un Pericolo incendio domestico in casa , come comportarsi ?

Ci sono diverse cause che provocano eventi disastrosi domestici in casa, prevenire è meglio di curare ! Ecco un detto famoso che va rispettato anche in questo caso tramite delle semplici indicazioni da non sottovalutare. Vediamone qualcune.

La disattenzione che abbiamo quando si cucina è molto alta , questo è un fattore determinante , è meglio prestare sempre attenzione a quello che si fa e mettere dei timer per ricordarsi di spegnere il fornello del gas nel momento giusto.

-Un’altro fattore molto importante consiste nel fare la manutenzione all’impianto elettrico che in mancanza di esso potrebbe far scaturire un incendio , il rischio è comunque molto basso.

-Addormentarsi mentre si sta fumando una sigarette potrebbe portare ad un errore disastroso, in caso sia ancora accesa potrebbe cadere su qualche superficie sintetica come il tappeto e potrebbe causare un incendio. Il rischio in questo caso è medio.

-Per quanto riguarda le bombole ti ogni tipo ad esempio quelle spray per profumarsi , per gli insetti ecc..  sono formate al loro interno da gas altamente infiammabile quindi non dovete esporle vicino a sorgenti calde. In caso di esplosione potrebbero avere un rischio alto di incendio.

-Una volta si usavano le candele per fare luce , adesso non più fortunatamente. Se possibile evitate di usarle , la cera che cade potrebbe incendiare quello che sta sotto.

-Sembra strano ma anche un albero di natale può rappresentare un rischio di incendio se le lucine di abbellimento scaldano troppo o non sono a norma di sicurezza.

 In caso di incendio è opportuno uscire il più presto possibile e assicurarsi che all’interno dell’abitazione non ci sia più nessuno presente. Nel mentre chiamare i soccorsi.
Ecco altre indicazioni altrettanto utili:
  • segnaletica pericolo incendioQuando ormai è troppo tardi , ossia quando l’incendio è divampato rapidamente in casa è obbligatorio uscire al più presto possibile per salvarsi la vita. In pochi attimi potrebbero prendere fuoco sostanze altamente nocive che causerebbero il soffocamento delle persone presenti.
  • Restate molto calmi e se vi trovate al lavoro (es.in ufficio) cercate l’uscita più breve segnalata dalla segnaletica di uscita d’emergenza contrassegnata in verde con un immagine di un omino stilizzato in verde.
  • Importantissimo dettaglio da non sottovalutare sono le lampadine ! Non accendere per qualsiasi motivo la luce potrebbe recare ulteriori danni.
  • Non prendere l’ascensore in quanto potrebbe mettere a rischio la tua sicurezza bloccandosi e rimanendo dentro per ore rischiando anche in casi gravi il soffocamento.
  • In presenza di tanto fumo utilizzare questa tecnica: Coprite la bocca e il naso con un asciugamano inzuppato d’acqua e usatelo come filtro mentre respirate.
  • Quando uscire e percorrete il corridoio è molto utile camminare in prossimità o meglio adiacenti alle pareti cosi anche se non vedete la strada potrete orientarvi facilmente.
  • Se volete aprire una porta e non riuscite a causa della maniglia che è diventata troppo calda passate alla prossima porta, ciò significa che all’interno della stanza è presente molto fuoco.
  • In casi estremi se vi trovate vicino a una finestra apritela e recatevi vicino ad essa stando, chiudendo la porta della stanza per non fare entrare ulteriore fumo.
  • Dalla finestra potrete chiedere aiuto urlando e intanto chiamare i soccorsi.

Non fate l’errore di tornare all’interno dell’abitazione una volta raggiunta una posizione di sicurezza fuori dall’edificio per recuperare oggetti a voi cari o preziosi. La vita è decisamente molto più importante.

Incendio Quadro Elettrico


Eseguire la manutenzione è fondamentale
se si parla di quadro elettrico e di prese per la corrente, sembra strano ma rappresentano in maggioranza la causa principale di guasti che poi peggiorano e si trasformano in veri e propri sovraccarichi di corrente, accumulando calore succede che potrebbe divampare molto fuoco senza neanche che ve ne accorgete. I cablaggi ( quando si installa la linea elettrica per esempio) possono risultare difettosi e quindi creare una catena di ulteriori problemi.

 

Ogni 2 anni chiama un elettricista e chiedi di farti fare un po’ di manutenzione e controllo all’impianto !

  • Pulisci le prese togliendo polvere , puoi usare qualsiasi strumento che metta dell’aria dentro e permetta di togliere la sporcizia.
  • Assicurati che la tua struttura abbia dei salvavita o anche dei fusibili cosi lo scarico della corrente si concentrerà su questi 2 strumenti senza recare danni alle prese di corrente. Sono consigli molto semplici ma allo stesso tempo funzionali a prevenire qualsiasi tipo di sfortuna !

Come Spegnere un impianto elettrico:

spegnere Incendio Quadro ElettricoOvviamente se vedi scintille c’è qualcosa che non va !

Se state bene attenti c’è una leva con sopra scritto ” Generale” . Una volta abbassata quella leva l’elettricità in casa vostra non passerà più non avrete più la casa in tensione e non rischierete brutti scherzi per quanto riguarda l’elettricità.

Attenzione a non svolgere queste operazioni avendo le mani bagnate altrimenti potete rischiare il fenomeno della folgorazione che è mortale.

 

Estintore per quadro elettrico

Gli Estintori a co2  vengono utilizzati sostanzialmente quando si ha l’impossibilità di spegnere la fonte che prende fuoco a causa del grave danno che ormai è troppo tardi spegnere. Ricapitolando si possono usare per fuochi aventi le relative classi: classe B e classe C.

La normativa impone il posizionamento e la relativa installazione dell’estintori in vicinanza dei quadri elettrici. La temperatura che possiede il gas che vi è dentro è di 20 gradi con una pressione che oscilla dai 55 fino ai 60 bar. Nel momento esatto in cui fuoriesce dalla bombola raggiunge una temperatura gelida sotto zero di -75°C (molto freddo).

Lo scopo dell’estintore è quello di spegnere le fiamme grazie al gas che abbassa il livello di O2 (ossigeno) soffocando il fuoco.

I più funzionali , i migliori , ma anche quelli più costosi sono quelli costituiti da anidride carbonica (CO2).

Estintori di classe C

Quando vedi che non è stato possibile domare la situazione e vedi che va avanti senza interruzione allora è il caso di usare questo tipo di estintore.

Se il quadro elettrico non sei riuscito spegnerlo grazie alla leva del “generale” e non hai alcuna chance di non fare più circolare elettricità nel tuo appartamento allora è il caso di prendere l’estintori a co2 !

Su ogni tipo di estintore noterete la relativa lettera di appartenenza di classe. In questo nostro caso la lettera sarà la C.

Indicazioni su come usare un estintore:

estintore a co2

  1. Togli la sicura ( è una specie di filo di ferro dritto assomigliante a una chiave , vedi immagine 4e) che blocca la maniglia di esso.
  2. Adesso punta l’erogatore che sarebbe il tubo dell’estintore sulla fonte di fuoco che sta prendendo fuoco o che è già in fiamme..
  3. Tieni premuta la maniglia (come puoi vedere in foto p il punto 4b) e cerca di spegnere le fiamme avvicinandoti sempre di più alla fonte in calore.
  4. Una volta che sei riuscito a spegnerlo il lavoro è terminato altrimenti prosegui con questa guida al punto successivo
  5.  Se sono passanti 6 secondi e non sei ancora riuscito a spegnere il tutto scappa ! Esci immediatamente dall’abitazione e chiama il 115 ossia i vigili del fuoco.

L’estintore di classe A a differenza di quello C contiene solamente h2o questo significa che se dovete spegnere un incendio e c’è la presenza oltre che al fuoco dell’elettricità con l’estintore sbagliato potrete prendere la scossa e causare a voi stessi rischi di folgorazione.

Si possono distinguere facilmente in quanto quelli ad acqua hanno solitamente un rivestimento colore argento mentre quelli ad anidride carbonica sono rossi.

Estintore di classe B

Mentre abbiamo appena parlato di estintori di classe C adatti per spegnere impianti elettrici in stato attivo parliamo adesso della lettera B , utilizzata invece per liquidi infiammabili come ad esempio una pentola con olio al suo interno oppure alcool ecc..

  1. Non gettate acqua su olio vegetale o sostanze grasse perchè tutto potrebbe degenerare in peggio !
  2. Se vi trovate in un ristorante o avete un’attività dove avete a che fare con i fornelli non vanno bene queste tipologie di estintori in quanto necessitano di maggiore potenza per controllare il calore dunque è obbligatorio comprare una classe K, esclusiva per questi posti.

 

Che cosa sono gli incendi ?

Diamo una definizione ! Praticamente è un processo chimico chiamato ” combustione ” dove come soggetto intervengono 2 variabili il combustibile e l’ossigeno (o2) [comburente].  L’espansione del calore non è controllabile dunque è utile avere sempre in casa un estintore (anche piccolo) per riuscire a spegnere al meglio il processo chimico.

 

Classificazione incendi , classe a , classe b, classe c , classe d.

Vediamo la gravità dei casi definiti con lettere che vanno dalla A fino alla D. Questo argomento è molto interessante e allo stesso tempo utile soprattutto per chi deve fare manutenzione a estintori oppure a chi svolge la mansione di consulente per la sicurezza.
L’allegato DM 10/03/1998 ci fornisce in maniera dettagliata una descrizione sulla classifica. Ecco la lista :

classificazione incendiClasse A:  Questa categoria contiene tutti i materiali solidi organici.

Classe B: Questa categoria rappresenta i liquidi come ad esempio petrolio , vernici , olio ecc..

Classe C: Sono caratterizzati da tutto ciò che contiene gas come una bomboletta spray che esplode oppure i fornelli elettrici che utilizzano il gas per emanare la fiamma di calore

Classe D: Riguarda tutti i materiali di tipo metallico.

Ovviamente le lettere C-D sono le più difficoltose da spegnere a differenza delle A-B dove può intervenire una persona qualunque anche non esperta. Invece per la C-D deve per forza intervenire un addetto dei vigili del fuoco con tanto di strumentazione necessaria per cessare il fuoco, attraverso polveri e idranti.

Dopo questa descrizione passiamo al prossimo argomento !