Respirazione Bocca a Bocca e Massaggio cardiaco

Respirazione Bocca a Bocca guida al Primo Soccorso !

Come fare una Respirazione Bocca a Bocca

Respirazione bocca a boccaLa respirazione bocca a bocca è una delle pratiche fondamentali del corso primo soccorso. Un’ottima preparazione sul tema richiede di capire quando sia necessario prestare soccorso con la respirazione bocca a bocca, come si mette in pratica e i casi si debba mettere in pratica anche il massaggio cardiaco oppure la respirazione bocca naso.

La respirazione artificiale o respirazione bocca a bocca si pratica nel caso in cui un soggetto sia vittima di un arresto respiratorio, quindi di un’improvvisa interruzione degli scambi gassosi polmonari. In una simile situazione agire tempestivamente è fondamentale in quanto nel caso in cui lo stato si protragga per oltre 5 minuti il rischio di danni ad organi vitali e, soprattutto, al cervello, aumenta.

La respirazione artificiale è la manovra di primo soccorso che serve a indurre artificialmente l’ossigeno nei polmoni della vittima di un arresto respiratorio.

L’obiettivo della respirazione artificiale è ripristinare l’adeguata ossigenazione del soggetto vittima di arresto respiratorio.

Questa manovra è nota anche come respirazione bocca a bocca in quanto colui che presta soccorso poggia la propria bocca su quella della vittima cercando di soffiare e mandare l’aria nei polmoni.

Chi svolge la respirazione bocca a bocca deve essere conscio dell’esistenza di una minima possibilità di contrarre infezioni respiratorie e quindi deve, a seconda della situazione, svolgere l’operazione di soccorso in sicurezza valutando se utilizzare alcuni filtri per avere una maggiore cautela.

  • Il soccorritore deve distendere la vittima in posizione supina e assicurarsi che non abbia all’interno della bocca alcun corpo estraneo.
  • Si spinge la mandibola in avanti perché le vie respiratorie sono solitamente ostruite dalla lingua. Inoltre, il capo del soggetto in arresto respiratorio deve essere iperesteso, ovvero inclinato all’indietro con il mento verso l’alto.
  • Una volta accertato la corretta posizione del soggetto, si deve:
    chiudere il naso della vittima utilizzando il dito indice;
  1. Inspirare profondamente;
  2. Appoggiare la propria bocca su quella della persona bisognosa di soccorso;
  3. Espirare a fondo;
  4. Staccare la propria bocca da quella della vittima e inspirare nuovamente per ripetere la respirazione artificiale fino all’arrivo dei soccorsi.

Nel caso in cui la persona riprenda la respirazione autonoma si deve interrompere immediatamente la respirazione bocca a bocca e, in ogni caso, attendere sempre i soccorsi.

Al fine di verificare se la procedura di soccorso venga eseguita correttamente o meno si deve controllare se il torace del soggetto si muove, in caso affermativo, infatti, questo indica l’ingresso dell’aria nei polmoni. Il respiro immesso con la respirazione bocca a bocca non deve essere mai troppo intenso perché, altrimenti, si rischia di mandare l’aria nello stomaco anziché nei polmoni.

Venite a vedere le date del corso primo soccorso , si tiene a milano in date specifiche che potete recuperare a questa pagina !

Più informazioni e Preventivo gratuito

L’aria immessa nei polmoni della vittima non è pura perché contiene anche una quota di anidride carbonica – quella normalmente presente nell’aria che respiriamo e quella prodotta da ciascuno con la respirazione – e, tuttavia, la quota di ossigeno presente è sufficiente a far raggiungere un buon livello di ossigenazione in una persona in arresto respiratorio.

L’arresto respiratorio è strettamente connesso alla situazione di arresto cardiaco e questo rapporto vale almeno in due differenti sensi. In primo luogo, un soggetto in arresto cardiaco può andare inevitabilmente in arresto respiratorio e, in secondo luogo, in caso di arresto respiratorio si può verificare anche l’arresto cardiaco. In entrambi i casi quando si soccorre una vittima di queste due condizioni è opportuno effettuare due diverse azioni, il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale.

Il massaggio cardiaco consiste nell’effettuare circa 100 compressioni al torace in un minuto. Si tratta di una manovra abbastanza faticosa e, infatti, nel caso in cui sia presente un altro soccorritore sulla scena è importante alternarsi velocemente e evitare che si verifichino interruzioni o rallentamenti, perché altrimenti le possibilità di sopravvivenza della vittima diminuiscono significativamente.

Normalmente, le procedure di pronto soccorso consigliano di effettuare solamente il massaggio cardiaco qualora non si sappia praticare la respirazione artificiale oppure le condizioni della vittima impediscano in qualche modo di effettuarla (si pensi, per esempio alla presenza di molto sangue nella bocca della persona).

In alcuni casi si può utilizzare un’altra tecnica di respirazione artificiale, il metodo bocca-naso. Infatti, quando la bocca è estremamente danneggiata oppure non è possibile aprire la bocca della vittima, si può soccorrere la persona utilizzando questa manovra.

Al fine di mettere in pratica questo tipo di respirazione si deve:

  1. tenere chiusa la bocca della persona;
  2. inspirare profondamente;
  3. insufflare l’aria accostando la propria bocca al naso dell’infortunato;
  4. staccarsi per riprendere fiato e ripetere l’operazione fino all’arrivo dei soccorsi.

Mascherina per respirazione bocca a bocca (CPR)

Maschera CPRLe operazione di primo soccorso richiedono sempre molte precauzioni per non incorrere nel rischio di trasmissione di infezioni tra il soccorritore il soggetto soccorso e viceversa.

Le mascherine per la respirazione bocca a bocca sono di diverse tipologie e sono tutte utilizzabili sia da parte del personale di soccorso, sia da chiunque altro. Ognuna ha caratteristiche specifiche che consentono di minimizzare ogni tipo di rischio nonché di svolgere la manovra di rianimazione in totale sicurezza.

La maschera cpr è uno strumento non invasivo, senza lattice (in quanto si tratta di un materiale potenzialmente in grado di innescare allergie o reazioni allergiche) e, inoltre, dotata di una valvola anti reflusso. La valvola costituisce una parte chiave della maschera poiché consente che l’aria insufflata dal soccorritore raggiunga la vittima e, al contrario, impedisce che i fluidi di quest’ultima (vomito, sangue o saliva) entrino in contatto con chi presta soccorso.

Questo efficace filtro previene completamente il contatto diretto con la vittima in caso di respirazione bocca a bocca e può essere efficacemente utilizzata su adulti e bambini, anche di età inferiore ai due anni. Questo strumento protettivo per la rianimazione è monouso e, quindi, dopo ogni va direttamente gettato nei rifiuti e non va mai riutilizzato.

La pocket mask monouso è un altro dispositivo di primo soccorso all’interno di una comoda custodia che consente di portarlo ovunque senza occupare spazio. Questo strumento offre la massima protezione in caso si debba effettuare la respirazione bocca a bocca. Infatti, come la maschera cpr impedisce il passaggio di liquidi tra la vittima e il soccorritore. Questo modello, inoltre, presenta due tubicini, uno per la manovra base e un altro da utilizzare nel caso in cui sia necessaria una maggiore quantità di ossigeno.

La maschera bocca a bocca è monouso in alcune parti (come il filtro) e pluriuso in altre (in questo caso ovviamente le componenti vanno sterilizzate in autoclave o pulite con appositi detergenti). La maggior parte di questo tipo di maschere hanno un’apertura di ingresso di 18 mm che consente, durante la manovra, l’ingresso di una quantità di ossigeno superiore rispetto alla norma.

Manovra gas – (Guardare Ascoltare Sentire)

Manovra GASIl modo migliore di agire in primo soccorso di un soggetto richiede una serie di valutazioni.
In primo luogo, il soccorritore deve accertare se la vittima sia cosciente o meno. A questo fine si deve chiamare a voce la persona e scuotere in modo delicato le spalle.

Nel caso in cui la vittima rimanga immobile e non risponda il soccorritore deve continuare a verificare la situazione.
In secondo luogo, si deve effettuare la manovra gas, acronimo per “guardare, ascoltare, sentire“.

La manovra gas primo soccorso consente di verificare se la persona infortunata o vittima di un incidente stia respirando.

I passaggi per effettuare questa manovra primo soccorso sono:

  1. porre da un lato e iper-estendere la testa della vittima (almeno che non si sospetti un trauma cranico);
  2. avvicinare il proprio orecchio alla distanza di circa 3 o 5 cm di distanza dalla bocca e dal naso della persona e ascoltare eventuali sibili di respirazione;
  3. poggiare con molta delicatezza una mano sul torace della vittima e vedere se ci sono o meno movimenti del diaframma.

La manovra gas non deve avere una durata superiore a 10 secondi. Quando il soggetto respira lo si deve posizionare nella posizione laterale di sicurezza e, contemporaneamente, chiamare i soccorsi. Se, invece, il soggetto non respira bisogna contattare il 118 e, quindi, procedere alle ulteriori manovre mediche sotto la guida esperta degli operatori del centralino ed in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Questa procedura si soccorso riveste un’importanza essenziale e deve essere svolta con la massima concentrazione. Infatti, così facendo, si potrà capire la condizione respiratoria del paziente e comunicarla agli operatori del 118 che consiglieranno al soccorritore esperto o inesperto le migliore procedure da seguire.

In terzo luogo, una volta allertati si deve procedere alle manovre rcp, un acronimo di rianimazione cardiopolmonare, la quale prevede il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Nel caso in cui un soggetto vada in arresto cardiaco e, successivamente, in arresto respiratorio la manovra rcp consente di mantenere ossigenato il cervello e ha molte possibilità di riuscita nella rianimazione del paziente.
Infine, la possibilità di sopravvivenza sicuramente aumenta se il soccorritore riesce ad operare tempestivamente le manovre blsd.

Defibrillatore- DAELa blsd è l’acronimo di Basic Life Support and Defibrillation e si riferisce alla tecnica di primo soccorso che impiega un defibrillatore semiautomatico. Il defibrillatore o DAE è uno strumento di rianimazione costituito da due piastre che si attaccano al torace della vittima, accertando previamente che la pelle sia completamente asciutta, e che trasmettono un impulso elettrico da parte del dispositivo al cuore del paziente. Il DAE, una volta attaccato, misura il ritmo cardiaco della vittima, una fase durante la quale il soccorritore deve evitare di sfiorare la vittima per non causare interferenze.

Il DAE si rivela fondamentale per riuscire a prestare un efficace soccorso. In alcuni casi può comparire il segnale che consiglia la scarica e, a questo punto, è necessario schiacciare l’apposito tasto “shock” avendo cura che nessuno, neppure il soccorritore, sia in contatto con il paziente in quel momento.

L’utilizzo del defibrillatore si deve continuare fino a che il soggetto infortunato non riprende coscienza e inizia a respirare in autonomia oppure, in caso contrario, si continua fino all’arrivo del personale medico di soccorso.

In altri casi, invece, il macchinario indica di non effettuare la scarica e, quindi, il soccorritore deve riprendere immediatamente la rianimazione cardiopolmonare del paziente.

Come fare una rianimazione cardiaca

In presenza di una vittima di infortunio o incidente le prime cose da fare sono verificare lo stato di coscienza e la respirazione. Normalmente, se il soggetto è incosciente e non respira, gli operatori del 118 consigliano di effettuare la rianimazione cardiopolmonare base o rcp.

Alcuni soccorritori sanno come effettuare la manovra di rianimazione, magari perché hanno seguito un corso di rianimazione cardiopolmonare, o possono non sapere come fare e, in questo caso, il personale del centralino avrà cura di spiegarlo telefonicamente. Le linee guida di primo soccorso indicano che è meglio intervenire sempre anche nel caso in cui il soccorritore ritenga di non avere capacità o conoscenze sufficienti.

La rianimazione bls è la tecnica di soccorso base che comprende la manovra di rianimazione cardiopolmonare e si tratta della prima procedura da seguire in caso di un incidente che provochi l’interruzione della respirazione nonché del battito cardiaco della vittima.

In questo caso il soccorritore deve iniziare a praticare il massaggio cardiaco seguendo la specifica procedura. In particolare, deve:incrocio dita primo soccorso

  • inginocchiarsi accanto al torace della vittima e posizionare la sua gamba all’altezza della spalla di quest’ultima;
  • rimuovere gli abiti in modo da scoprire il torace, in quanto per essere sicuri di come si sta effettuando la manovra bisogna rendersi conto della posizione delle mani;
  • appoggiare il palmo mano al centro del torace e, invece, il palmo dell’altra mano sotto il torace della prima incrociando le dita;
  • assicurarsi che le mani siano esattamente al centro del torace;
  • tenere le braccia ben diritte e perpendicolari rispetto al torace;
  • effettuare 30 compressioni, in particolare almeno 2 ogni secondo.

Il massaggio cardiaco alla vittima non deve essere interrotto, infatti l’effetto di riattivazione della circolazione del massaggio è molto debole e una pausa, anche minima, rischia di compromettere le possibilità di sopravvivenza della vittima.

La manovra si deve interrompere in casi molto specifici, cioè quando gli operatori medici dicono di smettere, quando il paziente riprende coscienza in modo completo oppure quando le condizioni fisiche di soccorre sono tali da non consentire la prosecuzione, per esempio nel caso di eccessiva stanchezza.

Invece, quando il paziente inizia a muoversi solo lievemente questo è un segno che è necessario continuare il massaggio cardiaco poiché il soggetto non si è ancora ripreso completamente.

Contemporaneamente alla manovra cardiaca le tecniche di pronto soccorso bls richiedono che si effettuino anche la rianimazione bocca a bocca ovvero la rianimazione polmonare. La manovra di rianimazione polmonare consiste in ventilazioni tramite le quali si insuffla l’aria respirata dal soccorritore nei polmoni della vittima.

Il soccorritore in questo caso deve fare la respirazione bocca a bocca ogni 30 compressioni toraciche e, in particolare, si richiede di praticare almeno due insufflazioni.

Al fine di praticare le ventilazioni il soccorritore deve assicurarsi che il capo dell’infortunato sia in posizione iperestesa con il mento rivolto verso l’alto. Una volta sicuro della corretta posizione deve inspirare a fondo, chiudere il naso e appoggiare la propria su quella della vittima o, meglio, sul tubicino di una mascherina per respirazione bocca a bocca e insufflare l’aria nel sistema respiratorio della persona che si vuole soccorrere.

L’approccio del soccorritore deve essere molto delicato ed attento a non immettere l’aria nella vittima con troppa forza.

Tecniche di primo soccorso

Le nozioni di primo soccorso rappresentano un bagaglio di conoscenze base per affrontare molteplici situazioni di emergenza in cui ciascuno potrebbe trovarsi nel corso della propria vita.
Alcune operazioni semplici come la respirazione bocca a bocca o il massaggio cardiaco potrebbero fare infatti la differenza nel determinare la sopravvivenza o meno di una vittima di un infortunio o un incidente.

La tecnica bls ovvero basic life support rappresenta, in particolare, l’insieme di tutte le tecniche utili a prestare il soccorso di base a chi si trova in circostanze di bisogno. Il bls, allora, comprende tutte le tecniche di primo soccorso che si devono mettere in pratica in ogni caso di arresto cardiaco e/o respiratorio di un soggetto, quindi la respirazione bocca a bocca o artificiale e il massaggio cardiaco.

tecniche di primo soccorso

In primo luogo, le regole del primo soccorso richiedono che colui che presta soccorso valuti la situazione e sostanzialmente cerchi di mettere in atto tutte le pratiche previste dalle linee guida del settore per prevenire la situazione di pericolo o l’aggravarsi della situazione di pericolo della vittima.

In secondo luogo, quando si agisce è necessario avere in mente una serie di regole e obiettivi del primo soccorso. Il soccorritore, infatti, deve cercare di fare tutto il possibile per mantenere stabili le funzioni vitali dell’infortunato e, a questo scopo, dovrà quindi praticare la respirazione bocca a bocca in caso di assenza di arresto respiratorio della vittima.

Inoltre, chi presta primo soccorso deve evitare in ogni caso che si verifichi un aggravamento della situazione e deve eseguire le tecniche di soccorso, ad esempio il massaggio cardiaco, secondo cadenze ben definite e non applicando una forza eccessiva.

Le tecniche base di bls come la respirazione artificiale servono a determinare un miglioramento della situazione generale.

Il fatto che quindi l’aria immessa nei polmoni della vittima non sia ossigeno puro ma contenga anche anidride carbonica non impedisce la ripresa dell’attività respiratoria. Non bisogna dimenticare, infatti, che il primo soccorso è un’operazione di assestamento momentaneo in attesa che arrivi il personale medico competente.