Estintori a suono! Si spengono le fiamme col fuoco! | Labor e Sistemi ®

Estintori a suono! Si spengono le fiamme col fuoco!

Estintori a suono

Quando si parla di contenimento degli incendi oggi si pensa subito agli estintori, ma c’è chi ha inventato un presidio che potrebbe cambiare tantissimo questo quando.

Viet Tran e Seth Robertson, due ignegneri della George Mason University, hanno messo a punto un estintore davvero particolare. Per quale motivo? Semplicemente perché il suo funzionamento non si basa sull’emissione di schiuma per spegnere le fiamme, ma su quella di onde sonore a bassa frequenza.

Si tratta chiaramente di una soluzione che potrebbe rivoluzionare il mondo dell’antincendio.

Estintori a suono

Come funziona? Basandosi sulla facoltà delle onde sonore di spostare ossigeno nell’aria. Come ben sa chiunque abbia una minima dimestichezza con il mondo degli incendi, l’ossigeno è però in grado di alimentare il fuoco. Come sono riusciti Tran e Robertson a far fronte a questo problema? Ricorrendo al lato più creativo delle onde sonore, ossia la musica.

Estintori a suono

I test hanno mostrato come onde dai 30 ai 60 Hertz siano in grado d’impedire alle fiamme d’incamerare l’ossigeno, situazione che porta al loro spegnimento. Fantastico, vero? Commercializzare questo presidio porterebbe dei cambiamenti epocali nel mondo dell’antincendio, che andrebbero ad impattare anche tutto quello che riguarda la formazione.

Estintori a suono

Tran e Robertson hanno perfezionato un modello già studiato dal Darpa nel 2012, creando un dispositivo decisamente più maneggevole. Sul web girano già diversi video del prototipo, che fanno vedere quanto sia simili agli strumenti del mestieri dei personaggi di un film che ha fatto la storia, ossia Ghostbuster.

Estintori a suono

Come è fatto l’estintore a onde sonore messo a punto da Tran e Robertson? Risulta costituito da un amplificatore e da un tubo di cartone, che ha l’obiettivo di raddrizzare le onde sonore, convertendole in raggi indirizzabili più facilmente verso le fiamme.

Tran e Robertson sono giovanissimi ma davvero creativi! La loro invenzione sta già conquistando l’attenzione dei media di tutto il mondo, e potrebbe essere vicina la svolta. Come mai? Basta tenere gli occhi aperti sugli ultimi articoli del   Washington Post, dove si parla anche di questo progetto e dove si annuncia che ai due ragazzi sarebbe stato commissionato un test del loro prodotto su larga scala da parte dei vigili del fuoco di New York.

Gli estintori fanno parte già del passato? Forse è troppo presto per dirlo con sicurezza, ma è sicuro che anche il mondo della gestione incendi deve evolversi, facendo in modo di ottimizzare costi e tempistiche, e mettendo chi opera a livello professionale nelle condizioni di evitare qualsiasi rischio.

L’invenzione promette senza dubbio bene, ed è fantastico vedere come sia nata dalla fantasia di menti giovani. Adesso non resta che aspettare il test su larga scala nella Grande Mela, per vedere se il futuro dell’antincendio è già davvero qui!