Home » Salute Corpo Umano » Farmaci e Medicinali » Medicinale KAFENAC – Compresse per cervicale, che cos’è? Foglio Illustrativo
Farmaci e Medicinali

Medicinale KAFENAC – Compresse per cervicale, che cos’è? Foglio Illustrativo

KAFENAC
Clicca per votare !
[Total: 0 Average: 0]

CHE COS’È KAFENAC?

Il solfato di bario è un agente radiopaco. Gli agenti radiopachi sono usati per diagnosticare determinati problemi medici. Poiché gli agenti radiopachi sono opachi ai raggi X (blocco), le aree del corpo in cui sono localizzate appariranno bianche sulla pellicola radiografica.

Ciò crea la necessaria distinzione, o contrasto, tra un organo e altri tessuti. Il contrasto aiuterà il medico a vedere eventuali condizioni speciali che possono esistere in quell’organo o parte del corpo.

Il solfato di bario viene assunto per via orale o somministrato per via rettale per clistere. Se assunto per bocca, rende l’opaco, lo stomaco e / o l’intestino tenue opaco ai raggi X in modo che possano essere “fotografati”. Se è dato da clistere, il colon e / o l’intestino tenue possono essere visti e fotografati dai raggi X.

La dose di solfato di bario sarà diversa per i diversi pazienti e dipende dal tipo di test. La forza della sospensione e del tablet è determinata dalla quantità di bario che contengono. Test diversi richiedono una diversa forza e quantità di sospensione (alcuni potrebbero richiedere la forma della compressa), a seconda dell’età del paziente, del contrasto necessario e dell’apparecchiatura radiografica utilizzata.
Il solfato di bario deve essere usato solo da o sotto la diretta supervisione di un medico.

Indicazioni

  • Sindrome articolare (artrite reumatoide, artrosi, spondilite anchilosante, gotta)
  • Malattie infiammatorie degenerative e croniche dell’apparato muscolo-scheletrico (osteocondrosi, osteoartrite, periartropatia)
  • Infiammazione post-traumatica dei tessuti molli e del sistema muscolo-scheletrico (distorsioni, contusioni).
  • Dolore alla colonna vertebrale
  • Nevralgia
  • Mialgia
  • Artralgia
  • Dolore e infiammazione dopo interventi chirurgici o lesioni
  • Dolore alla gotta
  • Emicrania
  • Algomenorrea
  • Dolore con borsite
  • Proctite
  • Colica (biliare e renale),
  • Dolore nelle malattie infettive e infiammatorie degli organi ENT.
  • Cervicale

Per uso locale: l’inibizione della miosi durante l’intervento chirurgico per la prevenzione della cataratta dell’edema maculare cistoide associato alla rimozione e all’impianto con lente, natura infiammatoria dell’occhio non infettiva, infiammazione post-traumatica nella ferita penetrante e non penetrante del bulbo oculare.Usi

È usato per alleviare il dolore e il gonfiore delle articolazioni (artrosi), gonfiore delle piccole articolazioni delle mani e dei piedi (artrite reumatoide), artrite che colpisce principalmente la colonna vertebrale (spondilite anchilosante).
Kafenac contiene anche i seguenti eccipienti: trigliceridi a catena media, grasso duro, gelatina, D-sorbitolo, glicerina concentrata, biossido di titanio, giallo n. 5, rosso n. 40 e acqua purificata.

Dosaggio KAFENAC

  • Dose abituale: 100 mg due volte al giorno.
  • Insufficienza renale: non vi è evidenza che il dosaggio di Kafenac debba essere modificato in pazienti con insufficienza renale lieve, ma come con altri FANS, deve essere esercitata cautela.
  • Insufficienza epatica: vi sono prove che la dose di Kafenac deve essere ridotta nei pazienti con insufficienza epatica e si suggerisce di utilizzare una dose iniziale di 100 mg.
  • Adulti: 1 compressa al giorno.
  • Bambini: non ci sono dati clinici sull’uso di Kafenac nei bambini.
  • Gel: Adulti: strofinare delicatamente 2-4 g (una massa di forma circolare di circa 2-2,5 cm di diametro) 3-4 volte al giorno. Dose giornaliera massima: 16 g. Dose settimanale massima: 112 g. Tra le applicazioni dovrebbe essere lasciato un periodo di almeno 4 ore. La dose non deve essere applicata> 4 volte in un periodo di 24 ore. Dopo l’applicazione, le mani devono essere lavate a meno che non si tratti del sito trattato. Non usare per> 14 giorni se non raccomandato dal medico.

Interazioni

Litio: Kafenac può aumentare le concentrazioni plasmatiche di litio.

Glicosidi cardiaci: i FANS possono esacerbare insufficienza cardiaca e ridurre la velocità di filtrazione glomerulare nei pazienti che ricevono glicosidi a causa dell’aumento dei livelli plasmatici di glicosidi (compresa la digossina).

Diuretici: Kafenac, come altri FANS, può inibire l’attività dei diuretici. I diuretici possono aumentare il rischio di nefrotossicità dei FANS.

Anticoagulanti: come altri FANS, Kafenac può potenziare l’attività degli anticoagulanti.

Metotrexato: poiché i FANS possono aumentare i livelli plasmatici, con conseguente aumento della tossicità, si deve usare cautela se i FANS e il metotrexato vengono somministrati entro 24 ore l’uno dall’altro.

Mifepristone: i FANS non devono essere utilizzati per 8-12 giorni dopo la somministrazione di mifepristone poiché i FANS possono ridurre l’effetto del mifepristone.

Altri FANS e steroidi: la terapia concomitante con aspirina, altri FANS e steroidi può aumentare la frequenza delle reazioni avverse, incluso il rischio di sanguinamento gastrointestinale.

Ciclosporina: la nefrotossicità da ciclosporina può essere aumentata dall’effetto dei FANS sulle prostaglandine renali.

Effetti Collaterali KAFENAC

  • Gastrointestinale: gli eventi avversi più comunemente osservati sono di natura gastrointestinale.
  • Possono verificarsi ulcera peptica, perforazione o sanguinamento gastrointestinale, a volte fatale, soprattutto negli anziani. Dopo la somministrazione sono stati segnalati nausea, vomito, diarrea, flatulenza, stitichezza, dispepsia, dolore addominale, melena, ematemesi, stomatite ulcerativa, esacerbazione della colite e morbo di Crohn. Meno frequentemente è stata osservata la gastrite. La pancreatite è stata riportata molto raramente.
  • Ipersensibilità: sono state segnalate reazioni di ipersensibilità dopo il trattamento con FANS. Questi possono essere costituiti da (a) reazioni allergiche aspecifiche e anafilassi (b) reattività del tratto respiratorio comprendente asma, asma aggravata, broncospasmo o dispnea, o (c) disturbi cutanei assortiti, inclusi eruzioni cutanee di vario tipo, prurito, orticaria, porpora, angioedema e più raramente dermatosi esfoliative e bollose (inclusa necrolisi epidermica ed eritema multiforme).
  • Cardiovascolare e cerebrovascolare: Edema, HTN e insufficienza cardiaca sono stati riportati in associazione al trattamento con FANS.
  • Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l’uso di alcuni FANS (in particolare a dosi elevate e nel trattamento a lungo termine) può essere associato ad un aumentato rischio di eventi trombotici arteriosi.
  • La maggior parte delle reazioni avverse riportate è stata reversibile e di natura minore. I più frequenti sono i disturbi gastrointestinali, in particolare la dispepsia, il dolore addominale, la nausea e la diarrea e occasionalmente il capogiro. Edema, HTN e insufficienza cardiaca sono stati riportati in associazione al trattamento con FANS.
  • Indagini: sono stati riportati anche livelli anormali di enzimi epatici e di creatinina sierica.
  • Altre reazioni avverse segnalate meno comunemente includono: Renale: nefrotossicità in varie forme, tra cui nefrite interstiziale, sindrome nefrosica e insufficienza renale.
  • Epatica: anormale funzionalità epatica, epatite e ittero.
  • Sensi neurologici e speciali: disturbi visivi, neurite ottica, mal di testa, parestesia, segnalazioni di meningite asettica con sintomi come torcicollo, mal di testa, nausea, vomito, febbre o disorientamento, depressione, confusione, allucinazioni, acufeni, vertigini, capogiri, malessere, stanchezza e sonnolenza.
  • Ematologico: agranulocitosi, anemia aplastica e anemia emolitica.
  • Dermatologico: reazioni bollose compresa la sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica (molto raro). Fotosensibilità.
  • Se si verificano reazioni avverse gravi, Kafenac deve essere sospeso.

Quella che segue è una tabella delle reazioni avverse riportate durante gli studi clinici e dopo l’autorizzazione, raggruppate per classe di organo sistemico e frequenze stimate.

Controindicazioni Kafenac

Ipersensibilità al Kafenac o ad uno qualsiasi degli eccipienti di Kafenac.

Non essere somministrato a quei pazienti che hanno una storia di: Shock (accidente cerebrovascolare); attacco cardiaco (infarto miocardico); innesto di bypass delle arterie coronarie; insufficienza cardiaca congestizia (CHF) NYHA II-IV.

Attivo o storia di ulcera peptica ricorrente / emorragia (≥2 episodi distinti di comprovata ulcerazione o sanguinamento).

Pazienti che hanno precedentemente mostrato reazioni di ipersensibilità (es. Asma, rinite, angioedema o orticaria) in risposta a ibuprofene, aspirina o altri FANS. Insufficienza cardiaca grave, insufficienza epatica e insufficienza renale.

Storia di sanguinamento o perforazione gastrointestinale, correlata alla precedente terapia con FANS.

Uso nei bambini: non ci sono dati clinici nei bambini e pertanto non è raccomandato per l’uso nei bambini di età <18 anni.

Uso in gravidanza: sono state segnalate anormalità congenite in associazione con la somministrazione di FANS nell’uomo; tuttavia, questi sono di bassa frequenza e non sembrano seguire alcun modello riconoscibile. In considerazione degli effetti noti dei FANS sul sistema cardiovascolare fetale (rischio di chiusura del dotto arterioso) e sul possibile rischio di ipertensione polmonare persistente (HTN) del neonato, l’uso nell’ultimo trimestre di gravidanza è controindicato.

L’uso regolare di FANS durante l’ultimo trimestre di gravidanza può ridurre il tono e la contrazione dell’utero. L’inizio del travaglio può essere ritardato e la durata aumenta con una maggiore tendenza al sanguinamento sia nella madre che nel bambino.

I FANS non devono essere usati durante i primi 2 trimestri di gravidanza o travaglio a meno che il potenziale beneficio per il paziente superi il potenziale rischio per il feto.

Studi su animali indicano che non vi era evidenza di teratogenesi nei ratti sebbene l’esposizione sistemica fosse bassa e nei conigli il trattamento con Kafenac (10 mg / kg / die) ha prodotto una serie di cambiamenti morfologici in alcuni feti.

Kafenac non deve essere prescritto durante la gravidanza, specialmente durante l’ultimo trimestre di gravidanza, a meno che non vi siano validi motivi per farlo. Deve essere usato il dosaggio efficace più basso.

About the author

informaticall